AlcamoCronaca

Alcamo, mantenimento del reparto di psichiatria del nosocomio alcamese

I sindaci dei Comuni di Alcamo, Castellammare del Golfo e Calatafimi Segesta (Distretto sociosanitario 55), Domenico Surdi, Nicola Rizzo e Antonino Accardo hanno inviato una nota all’Azienda Sanitaria Provinciale di Trapani nella persona del Direttore Generale, dott. Fabio Damiani, dove chiedono il mantenimento del reparto di psichiatria del nosocomio alcamese



I sindaci dei Comuni di Alcamo, Castellammare del Golfo e Calatafimi Segesta (Distretto sociosanitario 55), Domenico Surdi, Nicola Rizzo e Antonino Accardo nei giorni scorsi hanno inviato una nota all’Azienda Sanitaria Provinciale di Trapani nella persona del Direttore Generale, dott Fabio Damiani, dove chiedono con determinazione che il reparto di psichiatria della struttura ospedaliera alcamese, San Vito e Santo Spirito, non venga chiuso. Riportiamo il contenuto della nota

Egregio Direttore,

ci è giunta notizia che l’Azienda di Trapani avrebbe deciso di sopprimere il reparto di psichiatria del nosocomio alcamese, San Vito e Santo Spirito, con conseguenziale trasferimento dello stesso presso il presidio ospedaliero Abele Ajello di Mazara del Vallo.

Quanto appreso desta non poche preoccupazioni e, pertanto, auspichiamo che la decisione presa possa essere tempestivamente riconsiderata. La situazione dei contagi COVID-19, cui pare essere collegata, invero, oggi sembra essere diversa dagli scenari temuti qualche settimana fa.

In ogni caso, non sembra superfluo considerare che il reparto in questione da anni rappresenta un importante punto di riferimento per i soggetti affetti da disturbi psichiatrici e per le loro famiglie, le quali si troverebbero costrette a sopportare ulteriori disagi connessi agli spostamenti, per di più in un periodo in cui alla fragilità già connessa alla malattia si aggiunge quella derivante dalle implicazioni anche sociali dell’attuale emergenza.

L’ospedale di Alcamo, com’è noto, ha peraltro una posizione baricentrica rispetto ai comuni del comprensorio e pertanto è più facilmente raggiungibile. Siamo certi e confidiamo sul fatto che si possano trovare soluzioni alternative anche all’interno della stessa struttura ospedaliera alcamese, tali da evitare la perdita totale del reparto con tutte le annesse preoccupazioni delle nostre comunità.

Rimanendo disponibili per ogni eventuale confronto porgiamo un cordiale saluto. I sindaci di Alcamo, Castellammare del Golfo e Calatafimi Segesta.

 

Articoli Correlati

Back to top button
Close