I Knicks sono a corto di personale e ingombranti, ma la soluzione migliore per lui è assomigliargli

INDIANAPOLIS — Jalen Brunson non è qui per una festa di pietà.

I New York Knicks sembravano diversi da loro domenica quando si sono trasformati in qualcos’altro, un mix di letargia che non corre per i rimbalzi offensivi, tarda a sbagliare tiri e si disconnette dagli attaccanti in transizione.

Gli Indiana Pacers hanno battuto la squadra 121-89 in Gara 4 della serie del secondo turno, che ora è in parità sul 2-2. Per la prima volta durante una serie di playoff che riduce di anni l’aspettativa di vita dei loro tifosi e aggiunge miglia al contachilometri dei loro giocatori, la partita era tutt’altro che vicina.

Il vantaggio dell’Indiana, che a un certo punto era salito a 43 punti, era così chiaramente insormontabile che l’allenatore di New York Tom Thibodeau, un uomo ancora aggrappato allo shock di ogni vantaggio o ripresa che avesse mai visto, ha rimosso i suoi titolari durante il terzo quarto.

“Possiamo parlare di gambe più fresche, possiamo darci tutta la compassione che vogliamo. Sì, siamo a corto di personale, ma questo non importa ora”, ha detto Brunson “Abbiamo quello che abbiamo e dobbiamo andare avanti con esso. Quindi non esiste il “siamo a corto di personale”. Non c’è alcuna giustificazione. Non ci sono scuse, assolutamente. Se perdiamo, perdiamo”.

Domenica hanno perso. Lo hanno fatto in modo insolito.

Anche quando i Knicks non giocano bene, tendono a litigare. Fino a Gara 4, non perdevano più di 11 punti dal 5 marzo.

Ma i Knicks – a cui mancano quattro giocatori di rotazione nell’OG Anunoby, Bogan Bogdanovic, Mitchell Robinson e Julius Randle – stanno tenendolo insieme con la benda ACE in questi giorni. E domenica, mostra tutti e quattro i quadranti.

I Pacers hanno preso a pugni palle vaganti e sono andati presto in vantaggio sul tabellone. Con ogni tiro dei Knicks che colpiva il canestro, Indiana saliva sul campo e creava layup o triple. Se i Pacers sbagliavano, prendevano rimbalzi. Erano in vantaggio per 34-11 a soli 10 minuti dall’inizio della partita.

READ  Il Chase Field ospiterà la sua prima partita di playoff dal 2017

Una delle squadre in questo incontro è stata la migliore dell’NBA al bicchiere durante la stagione regolare. L’altro è finito in fondo alla classifica. Quei ruoli si sono invertiti domenica quando i Pacers hanno superato i Knicks battendo New York nell’intervallo.

Indiana ha segnato 1,87 punti per ogni giocata di transizione in questo gioco, secondo Cleaning the Glass. Questa è un’efficienza migliore di quella di Stephen Curry, il tiratore di tiri liberi più preciso di tutti i tempi, che va in lunetta per due tiri. New York ha segnato solo 0,58 in transizione.

“Dobbiamo prendere questa L”, ha detto Bronson. “Non ci sono scuse.”

Il gruppo, solitamente vivace, sembrava esausto.

Man mano che gli infortuni si accumulano, aumenta il peso sui migliori giocatori dei Knicks. A causa dello scoppio, Josh Hart domenica si è riposato più di quanto ha fatto durante le prime nove partite di playoff messe insieme. Prima di gara 4, Donte DiVincenzo aveva superato i 43 minuti per quattro partite consecutive.

Ma DiVincenzo ha segnato solo sette punti e ha segnato solo una tripla durante lo scoppio. Hart, che ha segnato due punti e tre rimbalzi, ha messo la sconfitta in Gara 4 “sulle mie spalle” perché è “qualcuno che porta energia, porta energia, cose che non ho fatto oggi”.

Cresce il disagio, e non solo tra i giocatori fuori rosa.

La spalla sinistra di Isaiah Hartenstein è entrata in campo durante una caduta nel secondo quarto. L’ha immediatamente afferrato, sussultando per il dolore, e dopo la partita ha detto che pensava che l’infortunio “probabilmente sembrava un nervo schiacciato”. Ha aggiunto che le radiografie erano negative. Ma Hartenstein ha continuato a giocare e dice che sarà pronto per giocare in Gara 5.

Brunson è alle prese con un infortunio al piede riportato nella seconda partita. Insiste che sta “bene”, non è più infortunato, anche se fatica a separarsi dai difensori dei Pacers, guidati dall’esterno fisico Aaron Nesmith. Brunson ha segnato 18 punti in Gara 4 tirando 6 su 17, incluso uno 0 su 5 su 3.

READ  Come rendere più ricche le selezioni della prima squadra All-NBA Anthony Edwards, Luka Doncic e altri

Ancora più preoccupante è che abbia mancato tutti gli otto tiri. Sei di questi fallirono. La coppia che ha lanciato a lungo sono stati due tiri nel primo quarto quando le sue gambe erano fresche.

“Non è una scusa a questo punto”, ha detto Hartenstein. “Penso che tutti stiano attraversando qualcosa, penso che bisogna solo trovare un modo. Questo è quello che probabilmente hanno fatto meglio di noi nelle ultime due partite.

I Knicks torneranno a New York per Gara 5, ma non è che i Pacers si sveglieranno carichi di energia lunedì mattina. Il playmaker All-Star Tyrese Haliburton ha faticato a fare tre passi dopo aver terminato la sua conferenza stampa di Gara 3, appoggiandosi pesantemente alle ringhiere alla sua destra e sinistra mentre zoppicava un metro e mezzo fino al livello del suolo.

Pacers ha detto che ha sofferto di spasmi alla parte bassa della schiena, una distorsione alla caviglia destra e una contusione sacrale. Ma ha concluso Gara 4 con 20 punti, sei rimbalzi e cinque assist in soli 27 minuti.

La Halliburton ha trovato il modo di assomigliare a se stessa. Ma i Knicks non lo hanno fatto, e non è stato solo a causa dell’energia piatta. Anche questa non era fondamentalmente la stessa squadra.

Nessuna giocata di questo pomeriggio ha esemplificato meglio la confusione dei Knicks rispetto alla violazione di otto secondi della squadra nel primo quarto quando erano già sotto di 14 punti e stavano iniziando a mollare la corda. Il centro di riserva usato raramente Jericho Sims, che ha preso il passaggio in entrata, ha provato a manovrare lui stesso lungo il campo, è quasi inciampato, ha raccolto il suo palleggio e lo ha girato pochi istanti dopo. Avrebbe ricevuto critiche per la giocata, ma quel momento riguardava tanto chi non aveva la palla quanto chi aveva la palla.

READ  Il grande Fletcher Cox degli Eagles annuncia il suo ritiro dal football NFL - NBC Sports Philadelphia

I Knicks avevano due guardie in campo all’epoca, Brunson e Myles “Deuce” McBride. Entrambi erano nella zona di difesa con Sims ma non erano aperti. Una volta che Hart fosse arrivato a Sims, avrebbero dovuto sapere di affrettarsi verso di lui. Simms non è un giocatore di baseball. Non colpisce la stampa.

Rimase lì, aspettando che una delle guardie lo circondasse. Nessuno si è avvicinato. Quando iniziò a dribblare, McBride era uscito dal gioco, quasi a metà campo. Bronson stava correndo lungo il campo, senza guardare il suo omone.

Nei momenti più stressanti il ​​corpo da solo non può andare avanti; La messa a fuoco può anche fluttuare.

“Lo sento? Sì. Ma penso che lo facciano tutti”, ha detto Hart, “Quindi alla fine, sono i playoff. Devi farlo per te stesso, così come per il tuo corpo.

I Knicks trascorreranno del tempo prima di Gara 5 alla ricerca di soluzioni.

Potrebbero provare a liberare Brunson dalla palla, lanciarlo sui blocchi e incoraggiare Hart o DiVincenzo a iniziare l’attacco. O forse stanno giocando con i principianti. McBride ha iniziato la seconda metà di Gara 4 al posto di Precious Achiuwa, che ha diffuso ancora di più l’attacco. La formazione Bronson-McBride-DiVincenzo-Hart-Hartenstein è piccola, ma ha dominato anche durante la stagione regolare, superando gli avversari di 33 punti ogni 100 possedimenti, secondo Cleaning the Glass.

Ma il miglior aggiustamento che i Knicks potrebbero fare, uno che supererebbe qualsiasi schema o aggiustamento, è quello di assomigliare di più a loro stessi.

“Dobbiamo solo tornare a giocare a basket”, ha detto Hartenstein. “Penso che questa sia la squadra più fisica, che fa le piccole cose, salta sulla palla, fa quelle seconde mete, non credo che l’abbiamo fatto nelle ultime due partite”.

(Foto di Donte DiVincenzo, Jalen Brunson e Mamadi Diakite: Dylan Boyle/Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto