I senatori sono sul punto di assumere Travis Greene. Sarebbe adatto a Ottawa?

Quando la stagione regolare dei Senators si è conclusa tre settimane fa, il nome di Travis Green non era certamente sulla lista dei potenziali candidati alla carica di capo allenatore lanciata dai media e dai tifosi a Ottawa.

All’epoca, il roster includeva artisti del calibro di Craig Berube, Todd McClellan, Dean Evason e Jon Gruden. Il presupposto era che Green – che ha concluso la stagione come capo allenatore ad interim del New Jersey – avrebbe preso in seria considerazione la possibilità di rimanere nel New Jersey. Dopotutto, è stato assunto come assistente allenatore sotto Lindy Ruff la scorsa estate, e molti si chiedevano se l’eventuale piano di successione del New Jersey includesse l’eredità del ruolo di capo allenatore.

Ma le cose sono progredite così rapidamente negli ultimi sette giorni che i senatori stanno per presentare ufficialmente Green come prossimo allenatore.

Vai più in profondità

Guida dei senatori alla lotteria NHL Draft: probabilità di atterraggio di Celebrini, scenari commerciali e altro ancora

La scorsa settimana, il nome di Green è emerso per la prima volta come candidato serio per il posto vacante di Ottawa Ha osservato Frank Seravalli del Daily Faceoff È stato intervistato dall’amministrazione del Senato. Lo ha detto lunedì intorno a mezzogiorno lo ha detto Elliott Friedman di Sportsnet “Tutti gli occhi erano puntati su Travis Green.” Quando si parla della posizione di capo allenatore dei Senatori.

Dopo alcune ore, Darren Dreger di TSN è stato il primo a riferire L’affare stava per essere concluso.

Dato che Ottawa è entrata nella NHL Draft Lottery martedì, ci sono ottime possibilità che l’annuncio ufficiale – e la successiva conferenza stampa di Green – venga fatto mercoledì o giovedì a Ottawa.

Ma finché non avremo notizie dal direttore generale di Green e Senators Steve Stause, ci saranno molte domande da parte dei fan di Ottawa. Green non era certamente l’allenatore più popolare o di successo sul mercato, quindi questa notizia è stata accolta con un certo scetticismo dai tifosi di Ottawa.

Qual è il record di Green come allenatore?

Il 53enne Green ha trascorso parte di sei stagioni come capo allenatore di hockey a Vancouver e nel New Jersey, dove ha compilato un record di 141-159-35 in 335 partite. Questo è un bene per una percentuale di punti di 0,473, che lo colloca al fianco dei seguenti allenatori:

Il coaching comparativo nell’era del tetto salariale

allenatore Giochi I punti sono una percentuale

Joe Sacco

294

.493

Jeremy Colliton

205

.488

Willie Desjardins

315

.487

Travis Verde

335

.473

Wayne Gretzky

328

.473

DJ Smith

317

.464

Il fatto che il nome di DJ Smith sia in questa lista attirerà sicuramente l’attenzione dei fan di Ottawa, che sperano che il loro prossimo allenatore possa portare questo programma a un livello diverso.

Green ha portato Vancouver a due vittorie nei playoff nella bolla COVID nell’estate del 2020. I Canucks hanno eliminato i Minnesota Wild nel turno dei playoff, prima di eliminare i St. Louis Blues in sei partite. La squadra di Green a Vancouver si è poi ritirata con una dura sconfitta di sette partite contro i Vegas Golden Knights.

READ  La manifestazione notturna dei tori di Coby White contro i Kings - NBC Sports Chicago

Tuttavia, a parte questo, le squadre di Vancouver non sono state in grado di giocare meglio di .500 in nessuna stagione sotto la direzione di Green.

Canucks sotto Travis Green

stagione Gol per/partita Gol contro/partita Gioco di potere Calcio di rigore fatale

2017-18

2,66 (26)

3.16 (26)

21,5% (9°)

78,3% (21esimo)

2018-19

2,67 (25)

3.02 (17)

17,1% (22esimo)

81,1% (11°)

2019-20

3,25 (ottavo)

3.10 (21)

24,2% (4°)

80,5% (16° posto)

2020-21

2,64 (24)

3,34 (26)

17,4% (25)

79,8% (diciassettesimo)

2021-22

2.36 (27)

3.16 (23)

17,4% (22esimo)

64,6% (32)

Totale (314 partite)

2,76 (24)

3.14 (26)

20,0% (quattordicesimo)

78,6% (26)

Se c’è una buona notizia, è che le squadre verdi di Vancouver sono famose per le partenze veloci, un problema che ha afflitto i senatori negli ultimi anni. In ciascuna delle sue quattro stagioni complete con i Canucks, Green è partito bene nel primo mese della stagione:

Inizia con Travis Green

stagione Inizia

2017-18

6-3-1

2018-19

9-6-2

2019-20

9-3-2

2020-21

6-5-0

Il verde è stato spesso elogiato per essere aperto e flessibile quando si tratta di utilizzare statistiche e analisi avanzate. Questa storia del 2020 di Harman Dayal V L’atleta Ha raccontato la decisione di Green di abbracciare l’analisi all’inizio della sua carriera di allenatore.

“Amico, mi sembra di usare l’analisi in un modo o nell’altro da sempre”, ha detto Green. L’atleta.

E quando L’atleta Thomas Drance si è rivolto a Green nel 2023 parlando della sua carriera da allenatore a Vancouver, ed era fiducioso e ottimista riguardo al miglioramento quando si sarebbe presentata la sua prossima opportunità nella NHL.

“Attraversi alcune avversità e lavori per migliorare le cose, e penso che ora sarei migliore in tutte le aree dell’allenamento, proprio per la progressione naturale, ma anche avendo tempo per valutare e guardare indietro.” Verde ha detto. “Si tratta di valutare le cose in cui sei bravo e lavorare su quelle in cui non sei bravo, perché ognuno ha i suoi punti di forza e di debolezza.”

“Sono un ragazzo che ama le sfide, amo l’allenamento, questa è la parte competitiva di noi. Non vedo l’ora di avere un’altra opportunità.”

Green è stato allenatore ad interim dei Devils nelle ultime 21 partite della stagione, ma il New Jersey ha registrato un record di 8-12-1 in quelle partite e ha mancato i playoff di 10 punti nella Eastern Conference.

Prima di allenare nella NHL, Green ha trascorso del tempo con i Portland Winterhawks nella WHL, dove ha contribuito a guidare la squadra verso un campionato e un posto per la Memorial Cup nel 2012-2013. Ha poi servito come capo allenatore dell’AHL dei Canucks per quattro stagioni a Utica, portandoli alle finali nel 2014-15.

Come verrebbe descritto il mandato di Green a Vancouver?

Il periodo di Green come allenatore dei Canucks si è interrotto bruscamente a metà della stagione 2021-22, quando è stato licenziato insieme al direttore generale Jim Benning il 6 dicembre 2021.

READ  I Twins sono tornati tardi e hanno vinto la prima partita della serie 7–5 sui Rangers

È stata una rara doppia espulsione con il direttore generale e l’allenatore sollevati contemporaneamente dai loro incarichi, con Green sostituito da Bruce Boudreau. Come scrisse Drence quel giorno: “Inoltre, Boudreau è conosciuto come allenatore di giocatori. Questo lo rende, in un certo senso, l’opposto di Green, che è più sullo stampo di Pete DeBoer e ha la reputazione di essere ossessionato dai dettagli. approccio.

Questa è una descrizione interessante di Green, considerando che molti fan dei Senators chiedono a gran voce questo tipo di stile di allenamento a Ottawa. Smith, che ha guidato i Senators in ciascuna delle cinque stagioni precedenti fino a quando è stato licenziato a metà dicembre, aveva la reputazione di allenatore a suo agio “prima i giocatori”.

Dato che Drance è stato associato alla copertura di Green per cinque stagioni, ho pensato che sarebbe stato vantaggioso per lui essere coinvolto nel processo di reclutamento. Drence sembra credere che i punti di forza tattici di Green, uniti al suo appetito per l’analisi e alla capacità di sviluppare giovani giocatori, lo renderanno un candidato eccellente per i senatori. Drence ritiene che Green potrebbe essere stato vittima dell’ambiente caotico di Vancouver e potrebbe trarre grandi benefici dallo stabilirsi a Ottawa.

Ecco il punto di vista di Drence sui senatori che scelgono Green come prossimo allenatore:

“Ho seguito da vicino Travis Green durante il periodo più disfunzionale della recente storia dei Vancouver Canucks – e questo è tutto dire.

Dopo un periodo di successo come allenatore dell’AHL del club a Utica, un periodo che includeva un’apparizione alla finale della Calder Cup nelle prime fasi del mandato di Green, il club ha congelato i roster che erano gravemente indeboliti. Queste squadre dell’Era Verde giocavano a hockey in modo disciplinato e spesso colpivano oltre le loro capacità, soprattutto all’inizio dell’anno, prima che una grave carenza di talenti le colpisse.

Nella stagione 2019-2020, il club ha dovuto affrontare una raffica e prestazioni eccessive, sia nella stagione regolare che nella bolla dei playoff. La tattica di Green contro i Golden Knights nel forzare una settima partita come enorme perdente al secondo turno divenne un modello ampiamente copiato dagli avversari dei Golden Knights nel frustrare i Golden Knights dell’era DeBoer nei playoff negli anni successivi.

Poi le cose sono diventate strane a Vancouver.

I tagli al budget legati al coronavirus hanno decimato il roster. Un’epidemia diffusa di COVID-19 durante la stagione 2021 ha colpito duramente Green, e anche la squadra, poiché il club è sceso al settimo posto nella All-Canadian League.

L’anno successivo, Green ha apportato alcune modifiche tattiche per cercare di rafforzare il duro gioco difensivo del club. Ha funzionato bene in una partita cinque contro cinque, ma la squadra è stata distrutta dai pesanti rigori e dalle difficoltà prevalenti di alcuni dei fuoriclasse. Venticinque partite nella stagione, Green fu licenziato e sostituito da Bruce Boudreau.

Durante il suo mandato con i Canucks, i Canucks di Green hanno fatto molto affidamento sui giovani giocatori e hanno fatto un buon lavoro. Era disciplinato e innovativo nel modo in cui affrontava gli abbinamenti all’interno del gioco.

Tendeva a non farsi ingannare dagli acquisti a caldo, e quando veniva criticato per aver distribuito giocatori, le sue decisioni tendevano a dimostrarsi valide nel tempo (i giocatori che non avevano abbastanza opportunità sotto Green tendevano a non diventare contributori più significativi dopo la sua partenza) . ). Il suo lavoro scheletrico,

Questo è un allenatore acuto che merita un’opportunità stabile dopo come sono andate le cose per lui a Vancouver. Prendere in mano una squadra giovane come i Senators mi sembra una scelta unica.

Che mi dici della storia di Green come giocatore?

I fan di Ottawa abbastanza grandi dovranno riconciliare il tempo di Green con i Toronto Maple Leafs nel calore della battaglia dell’Ontario.

READ  Perché Farhan Al-Zaidi e i Giants hanno licenziato Gabe Kapler dopo quattro stagioni nella Major League Baseball - NBC Sports Bay Area e California

Green ha trascorso due stagioni con i Maple Leafs nel 2001-2002 e nel 2002-2003 ed è stato una figura centrale in alcuni momenti importanti della rivalità regionale. Insieme a Darcy Tucker, Ty Domi e Shane Corson, Green era uno dei giocatori dei Maple Leafs più odiati a Ottawa, giocando con uno stile abrasivo che spesso infastidiva giocatori e tifosi dei Senators.

Nel marzo del 2003, Green ricevette un calcio di rigore in una partita contro i Senators al Coryell Center. Mentre pattinava verso l’area di rigore, Green indicò con rabbia l’attaccante dei senatori Chris Neil sulla panchina di Ottawa. Pochi secondi dopo, l’attaccante di Toronto Darcy Tucker saltò sulla panchina di Ottawa per iniziare una rissa con Neal.

Nella quinta partita della serie di playoff del 2002, Green fu uno dei giocatori più arrabbiati di Toronto in seguito Il controverso successo di Daniel Alfredsson su Tucker Negli ultimi istanti di quella gara. Alfredsson ha battuto Tucker lungo il tabellone e poi ha segnato il gol della vittoria all’Air Canada Centre di Toronto.

Successivamente, Green ha detto ai giornalisti che il colpo di Alfredsson su Tucker era “Scherzo maledetto.

Nel complesso, Green si è preparato per 970 partite di NHL in una carriera durata 14 stagioni. Ha segnato 20 gol in tre occasioni e la sua migliore stagione offensiva è arrivata come parte di una stagione da 25 gol e 70 punti nel 1995-96 con i New York Islanders.

Quando è stato assunto dai Canucks come capo allenatore nella primavera del 2017, Green ha detto ai giornalisti che aveva sempre sognato di allenare Dopo la fine della sua carriera calcistica.

“Ho avuto la fortuna di giocare a lungo nel campionato. Non mi definirei uno dei giocatori più bravi del campionato. Dovevo pensare a modo mio sul ghiaccio. Lo sapevo alla fine della mia carriera Volevo restare nell’hockey”, ha detto Green nell’aprile 2017. “Volevo allenare”. “Ho giocato con molti buoni allenatori, alcuni ottimi allenatori – alcune persone conoscono qui – Pat Quinn, Al Arbor. Questo mi ha sicuramente aiutato.

(Foto: Rich Graysle/NHLI tramite Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto