Il gabinetto di Netanyahu ha votato per chiudere gli uffici di Al Jazeera in Israele

TEL AVIV, Israele (AP) – Domenica Israele ha ordinato la chiusura degli uffici locali della rete di notizie satellitari Al Jazeera del Qatar, intensificando una lunga faida tra l’emittente e il governo intransigente del primo ministro Benjamin Netanyahu. Hamas è in bilico.

Si ritiene che l’ordine straordinario, che comprende il sequestro di apparecchiature di trasmissione, l’impedimento al canale di trasmettere i suoi servizi e il blocco dei suoi siti web, sia la prima volta che Israele chiude un’agenzia di stampa straniera.

Al Jazeera ha chiuso il principale fornitore di servizi via cavo israeliani poche ore dopo l’ordine. Tuttavia, i collegamenti in streaming sul suo sito Web e su altre piattaforme online sono ancora attivi domenica.

La rete, che ha riferito ininterrottamente della guerra tra Israele e Hamas sin dall’attacco iniziale dei militanti oltre confine, ha mantenuto una copertura 24 ore su 24 della Striscia di Gaza durante l’offensiva di terra israeliana. La sua ala araba pubblica spesso resoconti video integrali di Hamas e di altri gruppi militanti nella regione, compreso un rapporto clandestino sulle vittime della guerra, attirando l’ira di Netanyahu.

“I giornalisti di Al Jazeera hanno danneggiato la sicurezza di Israele e incitato contro i soldati”, ha detto Netanyahu in una nota. “È ora di rimuovere il portavoce di Hamas dal nostro Paese.”

Al Jazeera ha rilasciato una dichiarazione in cui si impegna a “perseguire tutte le vie legali disponibili attraverso le istituzioni legali internazionali nel tentativo di proteggere sia i propri diritti che il diritto all’informazione dei giornalisti e del pubblico”.

“La repressione della stampa indipendente da parte di Israele è vista come un tentativo di nascondere le sue attività nella Striscia di Gaza, il che è contrario al diritto internazionale e umanitario”, ha affermato la rete. “Il targeting diretto dei giornalisti, gli arresti, le intimidazioni e le intimidazioni da parte di Israele non impediscono ad Al Jazeera di impegnarsi, mentre più di 140 giornalisti palestinesi sono stati uccisi dall’inizio della guerra a Gaza”.

READ  40 La migliore copridivano con penisola sinistra del 2022 - Non acquistare una copridivano con penisola sinistra finché non leggi QUESTO!

L’ordine consente a Israele di bloccare l’operatività del canale nel paese per 45 giorni, hanno riferito i media israeliani.

Il governo israeliano ha represso i singoli reporter per decenni sin dalla sua fondazione nel 1948, ma consente ampiamente una vivace scena mediatica che comprende uffici stranieri da tutto il mondo, anche dai paesi arabi. Ciò è cambiato con una legge approvata il mese scorso che, secondo l’ufficio di Netanyahu, consente al governo di agire contro un canale straniero che “danneggia il Paese”.

Immediatamente dopo l’annuncio, la divisione inglese di Al Jazeera ha iniziato a trasmettere un messaggio preregistrato da uno dei suoi corrispondenti da un hotel che il canale utilizzava a Gerusalemme Est da mesi, dicendo che i palestinesi attendono con ansia il loro futuro Stato un giorno.

“Vietano qualsiasi dispositivo, incluso il mio cellulare”, ha detto il giornalista Imran Khan. “Se lo uso per qualsiasi tipo di raccolta di notizie, gli israeliani possono semplicemente confiscarlo.”

Il divieto non pregiudica le operazioni del canale nella Cisgiordania occupata e nella Striscia di Gaza, che sono controllate da Israele ma non sono territorio sovrano israeliano.

La decisione minaccia di intensificare le tensioni con il Qatar in un momento in cui il governo di Doha sta svolgendo un ruolo chiave negli sforzi di mediazione per fermare il Qatar. Guerra a Gazacon l’Egitto e l’America.

Il Qatar ha ampliato i legami con Netanyahu in particolare, affermando che il Qatar non ha esercitato sufficiente pressione su Hamas per costringerlo a fare marcia indietro sui termini dell’accordo di cessate il fuoco. Il Qatar ospita i leader di Hamas in esilio nella sede politica di Doha

READ  Wordle 270 16 marzo Suggerimenti: Lottando con Wordle oggi? Tre guide per trovare una risposta | giochi | intrattenimento

Le due parti sembrano essere vicine a raggiungere un accordo, ma diversi cicli precedenti di negoziati si sono conclusi senza un accordo.

In una dichiarazione di domenica, Hamas ha condannato l’ordine del governo israeliano e ha invitato le organizzazioni internazionali ad agire contro Israele.

Dopo la decisione del governo, i membri del gabinetto del Partito di Unità Nazionale ne hanno criticato i tempi, affermando che potrebbe “sabotare gli sforzi per finalizzare i negoziati e derivare da considerazioni politiche”. Il partito ha affermato che in generale sostiene la decisione.

Israele ha da tempo un rapporto difficile con Al Jazeera, accusandola di parzialità. Corrispondente di Al Jazeera Quasi due anni fa, i rapporti hanno subito una grave rottura Shireen Abu Akle Ucciso durante un attacco militare israeliano nella Cisgiordania occupata.

Tali rapporti si sono ulteriormente inaspriti dopo l’epidemia La guerra di Israele contro Hamas Il 7 ottobre, il gruppo militante ha lanciato un attacco transfrontaliero nel sud di Israele che ha ucciso 1.200 persone e ha preso 250 ostaggi. Da allora, la campagna militare israeliana a Gaza ha ucciso più di 34.000 persone, secondo i funzionari sanitari locali, che non hanno suddiviso le cifre tra civili e combattenti.

A dicembre, un attacco israeliano ne uccise uno Cameraman di Al Jazeera Ha riferito sulla guerra nel sud di Gaza. Wael Dahdouh, capo ufficio del canale a Gaza, è rimasto ferito nello stesso attacco. Dahdouh, un reporter ben noto ai palestinesi durante diverse guerre, successivamente evacuò Gaza. Sua moglie, tre dei suoi figli e un nipote sono stati uccisi negli attacchi israeliani.

Al Jazeera è stato uno dei pochi media internazionali a rimanere a Gaza durante la guerra, trasmettendo filmati sanguinosi di attacchi aerei e ospedali gremiti e accusando Israele di massacri.

READ  40 La migliore vetrinette ikea del 2022 - Non acquistare una vetrinette ikea finché non leggi QUESTO!

Israele accusa Al Jazeera, finanziata dal governo del Qatar, di collaborare con Hamas. Tuttavia, le critiche al canale non sono nuove. Il governo degli Stati Uniti ha trasmesso video del defunto leader di al-Qaeda Osama bin Laden durante l’invasione americana dell’Iraq durante l’invasione del 2003 che rovesciò il dittatore Saddam Hussein.

Coperto o bloccato da Al Jazeera Altri governi del Medio Oriente. Arabia Saudita, Giordania, Emirati Arabi Uniti e Bahrein sono tra quelli che boicottano Doha da anni nel mezzo di una disputa politica pluriennale che si concluderà nel 2021.

Nel 2013, le autorità egiziane hanno fatto irruzione in un hotel di lusso utilizzato da Al Jazeera come base operativa dopo che l’esercito ne aveva preso il controllo in seguito alle proteste di massa contro il presidente Mohamed Morsi. Apparentemente il canale è stato preso di mira a causa della sua copertura regolare delle proteste dei Fratelli Musulmani contro la cacciata di Morsi.

Tre dipendenti di Al-Jazeera, l’australiano Peter Creste, l’egiziano-canadese Mohamed Fahmy e il produttore egiziano Bahar Mohamed, sono stati condannati a 10 anni di carcere ma sono stati rilasciati nel 2015 a seguito di diffuse critiche internazionali.

___

Gambrel riferisce da Gerusalemme. Ha contribuito lo scrittore dell’Associated Press Jack Jeffrey a Gerusalemme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto