Il gelo mattutino è stato osservato su alcune delle enormi montagne di Marte Marte

Il gelo mattutino è stato avvistato su alcune delle montagne più grandi del sistema solare, massicci vulcani marziani tre volte più alti del Monte Everest vicino all’equatore del pianeta.

Nei mesi più freddi, una sottile polvere di ghiaccio, più sottile di un capello umano, sembra formarsi durante la notte nei crateri sommitali dei vulcani, o caldere, e su parti dei loro bordi, per poi evaporare poche ore dopo l’alba.

Sebbene lo strato ghiacciato sia eccezionalmente sottile, copre un’area enorme. Gli scienziati stimano che nelle stagioni più fredde su Marte, 150.000 tonnellate di acqua, l’equivalente di 60 piscine olimpioniche, si condensano ogni giorno sulle cime delle imponenti montagne.

“Questa è la prima volta che scopriamo il gelo dell’acqua sulle cime dei vulcani, e la prima volta che scopriamo il gelo dell’acqua nelle regioni equatoriali di Marte”, ha affermato Adomas Valentinas, planetologo presso l’Università di Berna in Svizzera e Brown Università. negli Stati Uniti.

I veicoli spaziali in orbita attorno a Marte hanno precedentemente inviato prove di acqua congelata e liquida sul pianeta rosso, con grandi quantità di ghiaccio osservate ai poli nord e sud. I modelli del paesaggio suggeriscono che un tempo il pianeta era un mondo più umido, forse abitabile, pieno di laghi giganti e fiumi serpeggianti.

“Ciò che vediamo potrebbe essere una traccia del clima passato di Marte”, ha detto Valentinas dei vulcani ricoperti di permafrost. “Potrebbe essere correlato a processi climatici atmosferici avvenuti in precedenza nella storia di Marte, forse milioni di anni fa”.

Valentinas ha individuato i vulcani coperti di brina nelle immagini a colori ad alta risoluzione scattate nelle prime ore del mattino su Marte dal Tracking Gas Orbiter (TGO) dell’Agenzia spaziale europea.

READ  Uno scheletro di dinosauro di 70 milioni di anni è stato scoperto da un uomo che portava a spasso il suo cane

Lui e i suoi colleghi hanno confermato la scoperta utilizzando uno spettrometro su TGO e altre immagini scattate dalla navicella spaziale Mars Express dell’agenzia. Il gelo appare come una tinta bluastra sui pavimenti della caldera ed è assente sui pendii ben illuminati.

La regione Tharsis di Marte è un vasto altopiano vulcanico vicino all’equatore del pianeta. Ospita dozzine di grandi vulcani, tra cui Pavonis Mons e Olympus Mons, che sono alti rispettivamente circa nove e 16 miglia, quasi due e tre volte l’altezza dell’Everest. L’Olympus Mons è molto più largo che alto e copre un’area grande quanto la Francia.

Gli scienziati ritenevano improbabile che si formasse del ghiaccio sulle vette del vulcano Tharsis perché la luce solare e la sottile atmosfera marziana mantengono le temperature relativamente alte durante il giorno, sia sulle vette che a livello del suolo.

Ma, La scrittura nelle scienze naturali della terraI ricercatori descrivono come i venti marziani potrebbero soffiare giù dai pendii delle montagne e trasportare aria più umida nella caldera dove si condensa e si deposita sotto forma di brina in determinati periodi dell’anno. La modellazione del processo suggerisce che la brina è acqua ghiacciata perché i picchi non sono abbastanza freddi da formare brina di anidride carbonica.

John Bridges, professore di scienze planetarie presso l’Università di Leicester, ha affermato che il lavoro ha dimostrato il continuo successo della missione TGO e della fotocamera CaSSIS (Color and Surface Stereo Imaging System).

Ha aggiunto: “Comprendere l’attuale ciclo dell’acqua su Marte nell’atmosfera e vicino alla superficie sarà importante per le future missioni esplorative, comprese le missioni umane, poiché l’acqua sarà la risorsa principale del sito”.

READ  Gli scienziati hanno scoperto modelli solari che potrebbero aiutare a comprendere il clima spaziale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto