Il Giappone chiuderà l’acqua alla centrale nucleare di Fukushima il 24 agosto

TOKYO – Il Giappone inizierà giovedì a scaricare nell’Oceano Pacifico l’acqua radioattiva trattata dalla centrale nucleare di Fukushima Daiichi, nonostante la forte opposizione dei paesi vicini e dell’industria della pesca giapponese.

Martedì il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha dichiarato che verrà smaltito in sicurezza 1 milione di tonnellate di liquami, l’equivalente di oltre 500 piscine olimpioniche.

“Ci aspettiamo che lo scarico inizi dal 24 agosto se le condizioni meteorologiche e del mare non lo impediscono”, ha detto Kishida dopo una riunione di gabinetto a Tokyo, dove al gestore dell’impianto, Tokyo Electric Power Co., è stato chiesto di prepararsi per lo scarico.

Dopo una revisione durata due anni, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha concluso il mese scorso che il programma giapponese soddisfa gli standard di sicurezza internazionali e avrà un impatto radioattivo “minore” sulle persone e sull’ambiente.

“Anche se ci vorranno decenni per rimuovere l’acqua trattata, il governo è impegnato ad assumersi la piena responsabilità finché non sarà completata”, ha detto martedì Kishida.

Si prevede che l’acqua altamente diluita, filtrata per rimuovere gli elementi radioattivi, impiegherà più di 30 anni nell’Oceano Pacifico per ridurre la concentrazione di trizio.

Cosa dovrebbe sapere il Giappone prima di rilasciare l’acqua dalla centrale nucleare di Fukushima?

Per anni, l’acqua contaminata è stata immagazzinata in grandi serbatoi metallici vicino all’impianto, uno dei peggiori disastri nucleari della storia. Ma il Giappone sta esaurendo lo spazio per costruire più serbatoi per contenere le acque sotterranee e l’acqua piovana inquinate.

L’imminente rilascio è stato fortemente politicizzato dai paesi vicini. La Cina si oppone fermamente al rilascio, che arriva in un momento di accresciute tensioni geopolitiche tra Tokyo e Pechino.

READ  Spazzatura spaziale in rotta di collisione con la luna probabile missile cinese - esperti | la luna

“La Cina ha indicato in diverse occasioni che scaricare in mare acqua contaminata dal nucleare non è il modo più sicuro o prudente per smaltirla. “Il Giappone ha scelto questo per ridurre i costi economici”, ha detto lunedì il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin. “Potrebbe comportare rischi inutili per i paesi vicini e per il resto del mondo”, ha affermato, esortando il Giappone ad abbandonare il piano.

Il piano ha scatenato una reazione negativa in Corea del Sud, che ha vietato le importazioni di prodotti ittici dall’area di Fukushima, anche se il programma di rilascio dell’acqua della Corea del Sud è risultato conforme agli standard internazionali.

I politici dell’opposizione hanno espresso preoccupazione che il rilascio possa danneggiare le acque della Corea del Sud, accusando il presidente Yoon Suk-yeol di ignorare i rischi per la salute derivanti dalla normalizzazione dei rapporti diplomatici con Tokyo.

“L’amministrazione Yoon Suk-yeol chiude un occhio davanti al Giappone che scarica acqua contaminata dal nucleare in mare”, ha detto Kang Sun-woo, portavoce del principale Partito Democratico dell’opposizione.

Anche le industrie ittiche e agricole di Fukushima si preoccupano dei danni alla reputazione dei loro prodotti, che portano ancora lo stigma dell’esposizione alle radiazioni.

“La nostra posizione non è cambiata, continuiamo a essere contrari”, ha detto lunedì Masanobu Sakamoto, presidente della Federazione nazionale delle cooperative di pesca, dopo l’incontro con Kishida.

“La nostra comprensione della sicurezza dell’acqua trattata è migliorata, ma la sicurezza scientifica e la sicurezza dal punto di vista sociale sono diverse. Se l’acqua viene rilasciata, ci sarà un danno alla reputazione”, ha affermato.

READ  40 La migliore piano cottura induzione bianco del 2022 - Non acquistare una piano cottura induzione bianco finché non leggi QUESTO!

Un decennio dopo il disastro di Fukushima, gli oppositori dell’energia nucleare stanno riconsiderando la questione

La stagione di pesca a Fukushima aprirà il 1 settembre e il governo giapponese si è impegnato a raccogliere dati di monitoraggio giornalieri dopo il rilascio per monitorare la qualità dell’acqua.

Martedì, 230 persone si sono radunate davanti all’ufficio del primo ministro per protestare contro il piano di rilascio, lanciando slogan come “Ascolta il pescatore” e “Questa liberazione influenzerà le generazioni future”.

Un passo L’ultima indagine di Kyoto, l’88,1% degli intervistati ha espresso preoccupazione per il fatto che la pubblicazione possa influenzare l’immagine del Giappone all’estero. Il governo stanzierà 200 milioni di dollari per risarcire eventuali danni alla reputazione del settore della pesca e 340 milioni di dollari per mitigare l’impatto sulle economie locali.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,878FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles