La cinese Evergrande afferma che le sue perdite si sono ridotte del 50% nella prima metà del 2023


Hong Kong
CNN

Il Gruppo Evergrande, lo sviluppatore immobiliare più indebitato al mondo, ha annunciato una significativa contrazione della perdita netta per la prima metà dell’anno, grazie ai maggiori ricavi dovuti al “breve boom del mercato immobiliare” all’inizio di quest’anno.

Ma lunedì le sue azioni sono scese di oltre il 70% dopo aver ripreso le negoziazioni dopo una sospensione di 17 mesi, anche se le azioni della maggior parte delle società immobiliari cinesi sono state scambiate in rialzo dopo che Pechino ha allentato ulteriori misure immobiliari.

L’azienda con sede a Shenzhen è da anni uno dei maggiori promotori immobiliari in Cina in termini di vendite. Ma ha preso ingenti prestiti per finanziare la sua espansione ed è andata in default sul suo debito nel 2021, innescando una crisi nel settore immobiliare cinese, che rappresenta fino al 30% dell’economia del paese. All’inizio di questo mese ha dichiarato bancarotta negli Stati Uniti.

Gli investitori seguono attentamente i suoi progressi a causa del ruolo importante che ha svolto negli attuali problemi economici della Cina.

Evergrande ha affermato in un rapporto che la perdita di Evergrande attribuibile agli azionisti è stata pari a 33 miliardi di yuan (4,5 miliardi di dollari) nel periodo gennaio-giugno, in calo del 50% rispetto alla perdita di 66,4 miliardi di yuan (9,1 miliardi di dollari) registrata nello stesso periodo dell’anno scorso. Deposito domenica alla Borsa di Hong Kong. I ricavi sono aumentati del 44% rispetto all’anno precedente, a 128,2 miliardi di yuan (17,6 miliardi di dollari).

La società ha affermato di “aver pianificato attivamente la ripresa delle vendite e di essere riuscita ad approfittare del breve boom del mercato immobiliare che si è verificato all’inizio dell’anno”.

READ  Country Garden è l'ultimo colosso immobiliare cinese ad essere nei guai

L’economia cinese ha goduto di un buon inizio d’anno, grazie ad un rally post-apertura dopo che il paese ha revocato le rigide restrizioni sul coronavirus. Ma quella ripresa si è esaurita da aprile.

Secondo un tanto atteso rapporto finanziario pubblicato il mese scorso, Evergrande ha subito una perdita complessiva di 81 miliardi di dollari nel corso del 2021 e del 2022.

E le sue sfide non sono ancora finite. Alla fine di giugno Evergrande aveva ancora 2,39 trilioni di yuan (328 miliardi di dollari) di passività. Si tratta di un valore leggermente inferiore al totale delle passività dichiarate alla fine dello scorso anno, pari a 2,44 trilioni di yuan (334 miliardi di dollari).

Anche il suo patrimonio totale è sceso a 1,74 trilioni di yuan (239 miliardi di dollari) da 1,84 trilioni di yuan (253 miliardi di dollari).

Evergrande sta attraversando un processo di ristrutturazione del debito diretto dal governo, iniziato alla fine del 2021, poco dopo il default sul proprio debito.

Nel marzo di quest’anno, ha svelato un piano multimiliardario per riappacificarsi con i creditori internazionali, ma ha affermato di aver bisogno di finanziamenti aggiuntivi tra i 36 e i 44 miliardi di dollari per completare i progetti immobiliari incompiuti.

In una dichiarazione di domenica, Evergrande ha affermato di aver già ottenuto nuovi finanziamenti per alcuni progetti e che continuerà a cercare capitali aggiuntivi.

Ma ha affermato che la capacità della società di continuare ad operare dipende ancora dalla capacità di completare con successo il piano di ristrutturazione del debito estero, proposto a marzo.

Ha aggiunto che aveva anche bisogno di negoziare con altri istituti di credito locali sull’estensione dei prestiti della società.

READ  La FAA ha riscontrato "casi multipli" di problemi di controllo qualità presso Boeing

Da venerdì Pechino ha intensificato ancora una volta il suo sostegno politico a sostegno del settore immobiliare, che ha rappresentato uno dei principali ostacoli alla crescita economica del Paese.

Cinque autorità di regolamentazione cinesi, tra cui il Ministero dell’edilizia abitativa e dello sviluppo urbano e rurale, la Banca popolare cinese e l’amministrazione fiscale statale, separatamente Annunciare una serie di mosse Per stimolare l’acquisto di case e rilanciare il settore in difficoltà.

Le misure includono la possibilità che i governi locali aboliscano una regola che impedisce alle persone con mutui precedenti di essere considerate acquirenti di prima casa nelle principali città. Questi acquirenti di case generalmente godono di un trattamento preferenziale nei prestiti bancari.

“Questa misura di alleggerimento dei mutui probabilmente scatenerà una maggiore domanda nelle principali città”, hanno detto lunedì gli analisti di Nomura.

“Pensiamo che molte città… revocheranno questa regola, dato l’attuale rischio di un collasso immobiliare a livello nazionale.”

Venerdì le autorità immobiliari e fiscali hanno inoltre annunciato congiuntamente che estenderanno i tagli alle imposte sul reddito personale alle persone che acquistano nuove case entro un anno dalla vendita di proprietà precedenti.

La maggior parte degli operatori immobiliari cinesi quotati alla borsa di Hong Kong sembrano aver ricevuto una spinta dal movimento.

Lunedì le azioni Country Garden sono aumentate dell’8,6% a Hong Kong. Guangzhou R&F Properties è cresciuta di quasi il 7%. Le azioni Sunak China sono aumentate del 3,4% e le azioni China Overseas Land sono aumentate del 2,7%.

Tuttavia, secondo gli analisti di Nomura, le misure annunciate nei giorni scorsi non sono state sufficienti a “fermare il declino” del settore immobiliare cinese.

READ  Foxconn affronta una verifica fiscale e un'indagine sull'uso del territorio - media statali cinesi

Hanno aggiunto che Pechino potrebbe dover adottare ulteriori misure, tra cui un ulteriore abbassamento dei tassi di deposito e dei mutui, e la fornitura di finanziamenti per sostenere la ristrutturazione dei villaggi urbani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto