La scoperta dell’acqua ghiacciata sui vulcani di Marte nella prima scoperta “importante”: uno studio

I ricercatori affermano che le macchie di gelo equivalgono a “60 piscine olimpiche”.

Lunedì i ricercatori planetari hanno annunciato un’importante scoperta dal pianeta rosso del sistema solare, poiché su Marte sono state scoperte macchie di acqua ghiacciata equivalenti a “60 piscine olimpioniche”.

Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista, strati sottili e diffusi di acqua ghiacciata sono stati scoperti sopra tre dei vulcani Tharsis di Marte, che si trovano su un altopiano all’equatore del pianeta. Scienze naturali della terra.

I vulcani Tharsis, una catena di 12 grandi picchi, sono i vulcani più alti del nostro sistema solare, secondo lo studio, che rileva che il gelo dell’acqua è stato rilevato sui vulcani Olympus, Arsia Askrios Mons e Ceronius Tholos.

I ricercatori della Brown University hanno dichiarato in un rapporto che: “I ricercatori calcolano che il ghiaccio costituisce non meno di 150.000 tonnellate di acqua che viene scambiata ogni giorno tra la superficie e l’atmosfera durante le stagioni fredde”. comunicato stampa “Ciò equivale a circa 60 piscine olimpiche”, ha aggiunto lunedì.

Secondo lo studio, le missioni ExoMars e Mars Express dell’Agenzia spaziale europea in orbita attorno al pianeta hanno catturato più di 30.000 immagini di acqua ghiacciata, che sono state poi analizzate da un team di ricercatori internazionali.

I ricercatori hanno scoperto che il sottile strato di brina – circa “un centesimo di millimetro o circa la larghezza di un capello umano”, secondo lo studio – si forma durante l’alba e poi evapora durante le ore diurne.

READ  La più grande piattaforma di ghiaccio dell’Antartide si sta comportando in modo strano

“Abbiamo pensato che fosse improbabile che si formasse del ghiaccio attorno all’equatore marziano, poiché la combinazione della luce solare e della sottile atmosfera mantiene le temperature relativamente alte durante il giorno sia sulla superficie che sulla cima della montagna, a differenza di quanto vediamo sulla Terra, dove ci si potrebbe aspettare. per vederlo”, ha detto Adomas Valentinas. “Lukewarm peaks”, ha detto in un comunicato stampa un ricercatore post-dottorato presso la Brown University che ha condotto lo studio.

“Quello che stiamo vedendo potrebbero essere i resti di un antico ciclo climatico sul moderno Marte, dove in passato si sono verificate precipitazioni e forse anche nevicate su questi vulcani”, ha detto Valentinas.

Secondo lo studio, l’acqua ghiacciata si trova nelle caldere vulcaniche, che sono enormi depressioni nella parte superiore della vetta formatesi dopo le passate eruzioni.

I ricercatori ipotizzano che l’aria che circola sulla caldera crei un “microclima unico che consente la formazione di sottili macchie di brina”.

Secondo i ricercatori, queste scoperte mettono in discussione le precedenti conoscenze degli scienziati sul clima di Marte e forniscono una strada entusiasmante per ulteriori esplorazioni del pianeta.

“L’idea di una seconda formazione di vita extraterrestre mi ha sempre affascinato”, ha detto Valentinas, che ha iniziato ad analizzare le immagini nel 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto