L’avvocato di Young Thug è stato ritenuto per oltraggio alla corte e condannato al carcere nel caso della Georgia

ATLANTA – Lunedì il giudice che supervisionava il caso di racket contro Young Thug ha ordinato l’arresto dell’avvocato principale del rapper di Atlanta e il suo oltraggio alla corte dopo aver accusato il giudice e i pubblici ministeri di un incontro inappropriato con un testimone chiave del caso.

I delegati dello sceriffo della contea di Fulton hanno scortato Brian Steele, un eminente avvocato difensore penale di Atlanta, dall’aula dopo aver affrontato il giudice della Corte superiore della contea di Fulton Oral Glanville in merito a un incontro privato che il giudice e i pubblici ministeri hanno avuto lunedì mattina con Kenneth Copeland, presunto complice di Young. Guarda un serial killer e recita nel caso di cospirazione tra bande.

Avvicinandosi al banco dei testimoni dopo una pausa pomeridiana, Steele ha detto al giudice che una fonte anonima gli aveva fornito i dettagli dell’incontro tra Glanville, i pubblici ministeri e Copeland, un testimone giurato che è stato incarcerato venerdì per oltraggio dopo essersi rifiutato di testimoniare nel caso.

Steele ha affermato che Copeland ha ribadito il suo rifiuto di testimoniare durante l’incontro di lunedì e che Glanville e i pubblici ministeri hanno detto a Copeland che potrebbe essere incarcerato fino alla fine del processo se si fosse rifiutato di collaborare. Ha detto che la conversazione ha spinto Copeland a cambiare idea e a testimoniare lunedì.

“Se questo è vero, questa è coercizione, intimidazione di testimoni e comunicazioni unilaterali in cui abbiamo il diritto costituzionale di essere”, ha detto Steele a Glanville.

“Come hai avuto questa informazione? Chi te l’ha detto?” “, chiese Glanville.

Quando Steele si rifiutò di rivelare la sua fonte – sostenendo che violava le tutele avvocato-cliente e il privilegio del “prodotto lavorativo” – Glanville ordinò che fosse trattenuto per oltraggio criminale e detenuto.

Il giudice ha poi permesso a Steele di tornare in aula mentre il procedimento continuava, ma ha detto che lo avrebbe incarcerato se non avesse rivelato la sua fonte. “Se non me lo dici, verrai trattenuto alle cinque di oggi o quando avremo finito”, avvertì Glanville.

Lunedì tardi, dopo aver ascoltato le argomentazioni degli avvocati di Steele, Glanville ha condannato Steele a 20 giorni nella prigione della contea di Fulton, una pena che gli è stato ordinato di scontare nei fine settimana a partire da venerdì. Steele ha chiesto al giudice di lasciarlo servire quel periodo nella prigione della contea di Cobb, dove è detenuto Young Thug, e non nella prigione della contea di Fulton, cosa che Glanville ha detto che avrebbe preso in considerazione.

READ  "Walker" è stato cancellato dalla CW dopo 4 stagioni

Glanville non ha commentato dalla panchina sulla sostanza delle accuse, anche se ha detto a Steele e al suo co-avvocato, Keith Adams, che qualcuno ha fornito loro informazioni false e ha sostenuto che chiunque abbia fatto trapelare le informazioni ha violato il privilegio avvocato-cliente.

“Vi sto dicendo che in questo momento non c’è nulla che sia stato offerto o detto o altro questa mattina”, ha detto Glanville. Il giudice ha respinto diverse richieste degli avvocati difensori di annullare il processo e si è rifiutato anche di fornire una trascrizione immediata dell’incontro, nonostante la presenza di un stenografo del tribunale.

Anche Adrian Love, assistente procuratore della contea di Fulton e procuratore capo del caso, ha negato qualsiasi illecito, spiegando per la cronaca che l’incontro tra il giudice, i pubblici ministeri e Copeland si è tenuto per affrontare la causa per oltraggio contro Copeland.

Questi drammatici sviluppi avvennero mentre il processo per racket contro Young Thug, il cui vero nome è Jeffrey Lamar Williams, procedeva a un ritmo estremamente lento, rovinato da problemi con la giuria e i testimoni e da altri disordini quotidiani che travolgevano l’alto profilo guidato dalla contea di Fulton. prova. L’avvocato Fanny T. Willis (D).

Il processo di Young Thug è uno dei due casi di racket criminale di alto profilo guidati dall’ufficio di Willis. L’estate scorsa, il procuratore veterano ha presentato accuse contro l’ex presidente Donald Trump e più di una dozzina di suoi collaboratori, sostenendo che avevano cospirato criminalmente per cercare di ribaltare la sconfitta elettorale di Trump nel 2020 in Georgia.

Quel caso è ora in un vicolo cieco, con Trump e altri che fanno appello alla decisione di un giudice di consentire a Willis di continuare a perseguire il caso tra le denunce secondo cui aveva una relazione romantica inappropriata con l’ex procuratore capo del caso.

READ  Letture dell'oroscopo settimanale per ogni segno zodiacale: 14-20 aprile

Young Thug e altri 27 soci sono stati incriminati nel maggio 2022 come parte di un ampio atto d’accusa del gran giurì secondo cui il rapper e i suoi soci erano membri di una violenta banda criminale di strada ad Atlanta.

I pubblici ministeri hanno affermato che Young Thug era il capo della banda, nota come YSL, o Young Slime Life, e lo hanno accusato di racket criminale e accuse di banda mentre altri sono stati accusati di altri crimini violenti, tra cui omicidio e tentata rapina a mano armata.

Gli avvocati di Young Thug hanno risposto sostenendo che YSL è semplicemente un’etichetta discografica e hanno attaccato i pubblici ministeri per aver presentato i testi di Young Thug come prova al processo, sostenendo che le sue canzoni erano semplicemente espressione artistica e non un resoconto letterale di atti criminali.

Molti degli imputati nel caso alla fine si sono dichiarati colpevoli o i loro casi sono stati archiviati. Attualmente, Young Thug e cinque dei suoi presunti complici sono sotto processo, che è stato caratterizzato da persistenti ritardi.

La selezione della giuria è iniziata nel gennaio 2023, seguita dalle dichiarazioni di apertura il 27 novembre, più di 10 mesi dopo. Lunedì ha segnato l’88esimo giorno di testimonianze, con i pubblici ministeri a meno della metà della lista dei testimoni proposta. Si tratta già del processo penale più lungo nella storia della Georgia, con alcuni avvocati difensori che avvertono che il procedimento potrebbe durare fino al 2025.

Mentre il dramma continuava lunedì, Glanville, che ha dovuto affrontare intense critiche per la sua gestione del processo, ha rifiutato di sospendere il procedimento, accusando l’avvocato difensore di aver tentato di “ricattare la corte” rifiutandosi di andare avanti fino a quando la questione di quanto accaduto non fosse stata chiarita. risolto in tribunale. Il giudice, i pubblici ministeri e Copeland furono sciolti. Glanville ha detto che non avrebbe affrontato il caso finché Steele non avesse identificato la sua fonte, cosa che l’avvocato si è ripetutamente rifiutato di fare.

READ  Lo svizzero Nemo vince il premio Eurovision 2024 per la canzone The Code

Quando Glanville lo ordinò di arrestare, Steele si alzò con calma e si tolse giacca e cravatta. Poi si è avvicinato al banco dei testimoni e ha detto al giudice che stava violando i diritti del suo cliente. “Mi state rimuovendo contro la mia volontà, la mia volontà, e lo state privando del suo diritto a un avvocato”, ha detto Steele al giudice prima di essere scortato fuori dall’aula.

Ad un certo punto, Love, il procuratore capo, ha fatto pressioni su Glanville affinché lasciasse che Steele tornasse in aula – un segno dell’alta posta in gioco in un caso che ha attirato un intenso esame da parte di tutti i soggetti coinvolti, inclusi il giudice e Willis, per i quali è stato criticato. . Una decisione di perseguire i casi di estorsione tentacolari e multi-accusati.

Gli sviluppi hanno scioccato la comunità legale di Atlanta. Un gruppo di avvocati della difesa penale si è riunito fuori dal tribunale lunedì scorso in solidarietà con Steele, tra cui Ashley Merchant, un avvocato della zona di Atlanta che dirige la State Criminal Defense Lawyers Association ed è comparso in tribunale per rappresentare Steele nel caso di oltraggio.

La moglie di Steele, Colette Resnick Steele, anche lei avvocato, ha presentato una notifica di intenzione di ricorrere in appello contro l’ordinanza di oltraggio contro suo marito, sebbene Glanville abbia sostenuto che Steele non aveva diritto a un appello o addirittura a un’udienza di cauzione.

“Ha ottenuto il giusto processo”, ha detto Glanville. Ha ordinato l’incarcerazione di Steele, ma ha detto che avrebbe revocato l’ordine di oltraggio se Steele avesse rivelato la sua fonte.

Chris Timmons, un ex procuratore distrettuale di Atlanta che conosce Steele da anni, si è detto sorpreso da quanto accaduto lunedì. “Brian è uno degli avvocati più etici che conosca. È rispettoso. È educato ed è pazzesco disprezzarlo”, ha detto Timmons. “Questa cosa è fuori dai binari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto