Le azioni diminuiscono in Corea del Sud e la fiducia delle imprese migliora in Giappone

5 ore fa

Le aspettative di inflazione della Nuova Zelanda sono scese al livello più basso degli ultimi due anni nel quarto trimestre

Le aspettative di inflazione della Nuova Zelanda sono scese al livello più basso degli ultimi due anni nel quarto trimestre, ha annunciato la Reserve Bank of New Zealand Mostra sondaggio.

Le previsioni di inflazione a due anni della Reserve Bank of New Zealand, grosso modo viste come l’arco temporale in cui le azioni di politica monetaria della banca centrale si tradurranno in prezzi, sono scese al 2,76% dal 2,83% del trimestre precedente terminato a settembre.

Si prevede che gli aumenti annuali dei prezzi per il prossimo anno scendano al 3,60%, dal 4,17% precedente.

Le aspettative di inflazione salariale annuale a un anno erano al 4,43%, in calo rispetto al 5,04% del terzo trimestre, mentre le aspettative di inflazione salariale annuale a due anni erano al 3,53%, in calo rispetto al 3,66% dell’ultimo trimestre.

L’indagine evidenzia che il ciclo di rialzo dei tassi di interesse della banca centrale ha mostrato segnali di riduzione delle pressioni sui prezzi. La Reserve Bank of New Zealand terrà il prossimo incontro politico il 29 novembre.

– Shreyashi Sanyal

9 ore fa

La fiducia delle imprese è migliorata in Giappone dopo che un sondaggio Reuters Tankan ha mostrato un aumento a novembre

La fiducia è aumentata tra i principali produttori giapponesi a novembre, Secondo un sondaggio Tankan della Reutersche misura la fiducia delle imprese tra le principali aziende giapponesi.

Questa è la prima volta che l’indice migliora da agosto, mentre l’umore del settore dei servizi è migliorato per il secondo mese.

L’indice del sentiment dei produttori è salito a +6 a novembre dal +4 di ottobre, e l’indice del settore dei servizi era a +27 sopra +24 il mese scorso.

READ  Il prezzo dell'IPO di Klaviyo è di 30 dollari per azione

L’indagine ha evidenziato una ripresa economica incompleta e prospettive difficili per i produttori giapponesi.

Ciò riflette anche un miglioramento simile osservato nell’indagine trimestrale Tankan della Banca del Giappone, attentamente monitorata.

Un numero positivo significa che il numero di partecipanti ottimisti supera il numero di pessimisti e viceversa.

– Shreyashi Sanyal

8 ore fa

CNBC Pro: Questi sono i titoli che trarranno beneficio – e perderanno – dalla tendenza al benessere, afferma Morgan Stanley

Dalla nutrizione alla bellezza, è in atto uno “spostamento globale verso il benessere” – non solo tra i consumatori ma anche tra i governi, afferma Morgan Stanley.

La banca d’investimento ha osservato che la pandemia di Covid-19 è stata un fattore importante alla base della maggiore attenzione al peso e ai suoi effetti sulla salute, anche se ha aggiunto che il benessere va oltre la semplice perdita di peso e comprende anche forma fisica, alimentazione, aspetto, sonno e vigilanza.

CNBC Pro dà un’occhiata ai titoli che, secondo Morgan Stanley, saranno influenzati, sia positivamente che negativamente.

Gli abbonati possono leggere di più qui.

-Weezin Tan

17 ore fa

CNBC Pro: ‘Il dono che continua a dare’: Morgan Stanley ama il settore della memoria e sceglie i suoi migliori titoli

La tecnologia è stata un tema dominante quest’anno e un settore in particolare spicca per Morgan Stanley: quello delle memorie.

Descrivendolo come “il dono che continua a dare”, la banca d’investimento osserva che “il potere di determinazione dei prezzi del settore è ora tra i migliori in termini tecnologici, ed è ancora nella fase iniziale di ripresa”.

La banca rivela le sue “migliori scelte” e le sue “operazioni preferite”.

READ  La Banca del Giappone alza i tassi di interesse per la prima volta in 17 anni in un cambiamento storico, eliminando il controllo della curva dei rendimenti

Gli abbonati CNBC Pro possono leggere di più qui.

-Amala Balakrishner

21 ore fa

HSBC afferma che un atterraggio morbido potrebbe alimentare un rally del 15% dei titoli azionari globali

Secondo HSBC, i titoli azionari globali sembrano pronti per un grande rally nel nuovo anno se le banche centrali inizieranno ad allentare la politica monetaria e la Federal Reserve potrà effettuare un atterraggio morbido.

“Ci aspettiamo che i mercati azionari globali aumentino e prevediamo un aumento del 15% entro la fine del 2024”, ha affermato Alastair Bender in una nota ai clienti. “Ma sullo sfondo del rallentamento della crescita economica e del calo dei tassi di interesse, riteniamo che l’ampiezza del mercato si restringerà sempre più, con un’ampia percentuale del mercato a rischio, mentre è probabile che la sovraperformance degli Stati Uniti continui”.

Ha osservato che negli ultimi casi in cui la Fed ha progettato un atterraggio morbido, l’indice S&P 500 è cresciuto in media del 22% tra una pausa nell’aumento dei prezzi e sei mesi dopo che la Fed ha iniziato a tagliare i tassi di interesse.

Considerato questo contesto, Bender preferisce i settori tecnologico e dei beni di consumo voluttuari, ritenendo che i rischi appaiano meglio prezzati dopo il recente calo delle azioni.

-Samantha Sobin

19 ore fa

Goolsbee della Fed afferma che un “percorso d’oro” è ancora possibile

Il presidente della Fed di Chicago, Austan Goolsbee, ha dichiarato martedì che un atterraggio morbido rimane sul tavolo mentre la banca centrale cerca di combattere l’inflazione senza danneggiare in modo significativo l’economia.

“A causa della stranezza di questo momento, esiste la possibilità di un percorso d’oro… che riduca l’inflazione senza recessione”, ha detto Goolsby al programma “Squawk Box” della CNBC.

READ  L'assediata Metro Bank si assicura il capitale e il miliardario colombiano Gilinsky prende il controllo

Goolsby ha affermato che il calo della pressione sui prezzi potrebbe eguagliare il calo dell’inflazione più rapido dell’ultimo secolo.

– Yun Lee

14 ore fa

Il prezzo del greggio americano è sceso sotto i 78 dollari al barile, registrando il livello più basso da luglio

I prezzi del greggio statunitense sono scesi di circa il 4% al livello più basso da luglio, poiché i deboli dati economici hanno messo in ombra i timori che la guerra tra Israele e Hamas potesse trasformarsi in un conflitto regionale più ampio.

Il greggio West Texas Intermediate è sceso di 3,09 dollari, o del 3,82%, a 77,73 dollari al barile, mentre il greggio Brent è sceso di 3,19 dollari, o del 3,75%, a 81,99 dollari al barile, entrambi ai prezzi più bassi da luglio.

Questo calo è avvenuto dopo che le esportazioni cinesi sono diminuite più del previsto in ottobre, indicando un calo della domanda globale.

Spencer Kimball

13 ore fa

Wolf Research afferma che il rally del mercato potrebbe essere fugace

Rob Ginsberg, stratega di Wolfe Research, ha osservato che il rally di inizio novembre potrebbe presto arrestarsi, se l’azione di trading all’inizio dell’anno è indicativa.

“Ogni rally dal picco di luglio è stato interrotto prima di toccare un nuovo massimo di un mese, prima di passare a un nuovo minimo di un mese… la definizione di un trend al ribasso”, ha detto Ginsberg.

Certamente ha anche sottolineato che alcuni indicatori di momentum “si sono riflessi positivamente su tutti gli indicatori (la scorsa settimana), e oggi lo vediamo confermato a livello di titoli”.

-Fred Imbert

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto