Lo chef José Andrés afferma in un'intervista esclusiva con This Week che Israele sta commettendo una “guerra contro l'umanità”.

La fondatrice di World Central Kitchen ha parlato con la co-conduttrice di “This Week” Martha Raddatz.

L'esercito israeliano ha detto venerdì che il suo attacco aereo a Gaza che ha ucciso gli operatori umanitari il 1° aprile è avvenuto dopo che le forze israeliane avevano affermato di aver erroneamente identificato un lavoratore della WCK nel convoglio come militante di Hamas. Israele ha condotto una guerra contro Hamas a Gaza nei sei mesi trascorsi da quando i terroristi del gruppo hanno invaso Israele il 7 ottobre, uccidendo quasi 1.200 persone, la maggior parte delle quali civili, e rapendone circa altre 250.

Guarda l'intervista completa con Jose Andrés su “This Week” della ABC domenica mattina.

In tutto, secondo il ministero degli Esteri israeliano, in Israele sono state uccise almeno 1.700 persone e 8.700 sono rimaste ferite. A Gaza, secondo il Ministero della Sanità di Gaza, più di 33.000 persone sono state uccise e circa 76.000 altre sono rimaste ferite.

Andres ha contestato le scoperte dell'IDF sul raid del convoglio, dicendo a Raddatz: “Ogni volta che succede qualcosa, non possiamo coinvolgere Hamas nell'equazione”.

“Non si tratta più dei sette uomini e donne del World Central Kitchen che sono morti in questo sfortunato evento. Questo accade da molto tempo. Sono passati sei mesi in cui abbiamo preso di mira tutto ciò che sembrava muoversi”, ha detto Andres.

READ  Muoiono 150 delfini in Amazzonia; Gli scienziati danno la colpa all’acqua a 102 gradi

Ha aggiunto: “Questa non sembra essere una guerra contro il terrorismo. Non sembra più essere una guerra per difendere Israele. In realtà, in questa fase, è una guerra contro l'umanità stessa”.

L'esercito israeliano ha bombardato un convoglio di tre veicoli WCK nella notte del 1 aprile dopo aver lasciato il magazzino di Deir al-Balah nel centro di Gaza, dove gli operatori umanitari hanno contribuito a scaricare più di 100 tonnellate di aiuti umanitari portati a Gaza attraverso la rotta marittima. Secondo WCK. I veicoli erano sparsi in varie località per circa 1,5 miglia, secondo un'analisi di ABC News delle riprese della scena e delle immagini satellitari.

I risultati pubblicati venerdì dall'esercito israeliano dicono che tre raid hanno preso di mira il convoglio. Ha anche detto che i lavoratori della WCK che erano rimasti feriti nel primo veicolo sono rimasti feriti nuovamente mentre si spostavano su un altro veicolo del convoglio. L'IDF ha confermato che il gruppo di soccorso aveva adeguatamente coordinato i propri movimenti con loro in anticipo, ma ha riconosciuto che i funzionari israeliani non avevano informato la sua brigata sull'operazione umanitaria coordinata.

“I risultati dell'indagine indicano che l'incidente non avrebbe dovuto verificarsi. Coloro che hanno approvato il raid erano convinti che avesse come obiettivo attivisti armati di Hamas e non dipendenti della WCK”, ha detto l'IDF, descrivendo il raid come “un grave errore derivante da un grave fallimento dovuto a un'identificazione errata.” “Errori nel processo decisionale e un attacco che viola le procedure operative standard.”

READ  Un ministro israeliano si ritira dal governo di unità nazionale guidato da Netanyahu, affermando di essere stato emarginato

Quando Raddatz gli ha chiesto se fosse soddisfatto dei risultati del rapporto, Andres ha ringraziato l'IDF per aver condotto “un'indagine così rapida” nonostante avesse chiesto un'indagine più completa e indipendente.

“Dirò una cosa molto complicata, l'indagine dovrebbe essere molto più approfondita”, ha detto. “Direi che l'autore del reato non può indagare su se stesso.”

I funzionari statunitensi stanno esaminando il rapporto israeliano “con molta attenzione” e “discuteranno le sue conclusioni con funzionari israeliani e con organizzazioni umanitarie nei prossimi giorni”, ha detto venerdì ai giornalisti il ​​segretario di Stato Antony Blinken.

Sulla base dei risultati dell'indagine, l'IDF ha licenziato due ufficiali, sospeso due comandanti e rimproverato altri tre per il loro ruolo nell'attacco, secondo il portavoce militare, ammiraglio Daniel Hagari.

“Questa è una tragedia”, ha detto Hagari ai giornalisti venerdì, “è stata una terribile serie di errori e non sarebbe mai dovuta accadere. L'IDF ha la piena responsabilità per questa sfortunata perdita di vite umane”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto