L’S&P 500 supera il record precedente dopo il rapporto sull’inflazione

Wall Street è tornata in modalità rialzista, con gli investitori che colgono l’ultimo segnale che i tassi di interesse potrebbero iniziare a scendere quest’anno.

Mercoledì l’indice S&P 500 è salito dell’1,2%, aggiungendosi a tre settimane consecutive di guadagni e superando il precedente record stabilito il 28 marzo.

Ciò rappresenta un netto cambiamento rispetto al clima cupo che ha contribuito a far scendere l’indice di oltre il 5% all’inizio di aprile, quando gli investitori si sono abituati all’idea che tassi di interesse più elevati potrebbero durare più a lungo, gravando sull’economia e sui mercati.

I nuovi dati sull’inflazione di mercoledì mattina hanno fornito un catalizzatore affinché l’indice superasse il record precedente. L’S&P 500 è ora quasi il 7% sopra il minimo di aprile.

Il rapporto di mercoledì – i dati dell’indice dei prezzi al consumo attentamente monitorato – ha mostrato un modesto rallentamento nel ritmo degli aumenti dei prezzi, in linea con le aspettative degli economisti. Gli investitori hanno accolto con favore i numeri e il ritorno al trend di graduale calo dell’inflazione dopo mesi di dati deludenti che hanno disturbato i mercati finanziari e spinto al ribasso i prezzi delle azioni.

“Questo è il primo buon rapporto sull’indice dei prezzi al consumo in quattro mesi e il mercato lo ha apprezzato”, ha affermato Gary Pzigio, responsabile del reddito fisso statunitense presso CIBC Private Wealth.

All’inizio dell’anno, gli investitori hanno ampiamente ignorato i dati sull’aumento dell’inflazione, scegliendo invece di concentrarsi sulla forte crescita a sostegno del mercato azionario. Ciò ha spinto il mercato a registrare massimi ripetuti durante il mese di marzo.

Poi all’inizio di aprile le cose hanno preso un’altra piega. Dopo che il terzo rapporto consecutivo sull’IPC ha minato il trend di graduale decelerazione dell’inflazione, sono iniziati i timori che la Fed potesse non solo ritardare i tagli dei tassi di interesse, ma addirittura aumentare i tassi di interesse. L’indice S&P 500 è crollato per tre settimane consecutive, registrando la sua peggiore performance quest’anno, crollando del 5,5% rispetto al massimo del 19 aprile.

READ  Qualcuno ha vinto Powerball? Numeri dei vincitori di sabato 9 marzo 2024

Gli investitori sono diventati più ottimisti questo mese, quando il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha gettato acqua fredda sulla possibilità che la banca centrale aumentasse i tassi di interesse. Poi il rapporto della scorsa settimana ha mostrato un rallentamento delle assunzioni in aprile, insieme a un’inflazione salariale minima, riportando in scena la possibilità di tagli dei tassi di interesse quest’estate, dando una spinta al mercato azionario.

“Queste due cose hanno davvero aiutato il mercato azionario”, ha affermato David Kelly, capo stratega globale di JPMorgan Asset Management.

Il rapporto sull’indice dei prezzi al consumo di mercoledì è stato visto come il prossimo importante test per il mercato, in quanto ha minato il sollievo generato dal rapporto sull’occupazione di aprile o, come si è dimostrato, sostenendolo.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a due anni, sensibile alle variazioni dei tassi di interesse, è sceso a poco più del 4,70% da oltre il 5% alla fine di aprile, quando i timori di tassi di interesse più alti si sono attenuati. Il rendimento di riferimento sui buoni del Tesoro a 10 anni, che sostengono l’indebitamento in tutto il mondo, è sceso a circa il 4,35% dal 4,7% dello stesso periodo.

Gli investitori nei mercati dei futures ora scommettono che la Fed probabilmente taglierà i tassi di interesse di un quarto di punto percentuale a settembre, presupponendo che non vi siano ulteriori interruzioni nella lotta contro l’inflazione che potrebbero spingere le azioni al ribasso.

Un altro fattore importante è stato che i risultati degli utili sono stati migliori del previsto, poiché i leader aziendali hanno passato le ultime settimane ad aggiornare gli investitori sulla loro redditività durante i primi tre mesi dell’anno e su dove vedono l’economia da qui in poi.

READ  La produzione della Toyota in Giappone è stata interrotta a causa di guasti ai sistemi negli stabilimenti di assemblaggio

Gli utili aziendali da inizio anno sono aumentati del 5,4%, con poco più del 90% delle aziende che hanno annunciato i propri risultati finanziari, a partire da venerdì. A fine marzo gli analisti si aspettavano una crescita pari solo al 3,4%.

Venerdì l’indice S&P 500 ha guadagnato per la terza settimana consecutiva, un risultato che non riusciva a raggiungere da metà febbraio. Ancora più importante, anche l’indice azionario Russell 2000 delle piccole imprese più esposte agli alti e bassi dell’economia statunitense è ora positivo quest’anno, dopo essere salito nelle ultime settimane. Mercoledì l’indice è salito dell’1%.

Kelly ha affermato che dopo i cambiamenti “turbolenti” degli ultimi anni – tra cui la pandemia e le guerre in Ucraina e Gaza – “l’equilibrio” sta cominciando a ritornare nell’economia.

“Ci stiamo adattando a un’economia noiosa, e la noia può durare a lungo”, ha detto.

J.Edward Moreno Contributo ai rapporti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto