Nessuna voce interna? Un nuovo studio rivela il suo effetto sulla memoria

riepilogo: Un nuovo studio ha scoperto che alcune persone non hanno una voce interiore, chiamata anendofasia, che influenza la loro memoria verbale e il riconoscimento delle rime. I partecipanti senza una voce interiore avevano più difficoltà a svolgere questi compiti rispetto a quelli con una voce interiore.

Lo studio evidenzia le strategie cognitive uniche utilizzate dagli individui con anoressia. La ricerca futura esplorerà come ciò influisce su altri processi e trattamenti cognitivi.

Aspetti principali:

  1. Indovasia: Uno stato di mancanza di voce interiore, che influisce sulla memoria verbale e sul riconoscimento delle rime.
  2. Risultati: Le persone che non hanno una voce interiore hanno prestazioni peggiori nel ricordare parole e rime.
  3. Strategie cognitive: Gli individui con anoressia utilizzano strategie uniche per risolvere i problemi.

fonte: Università di Copenaghen

In precedenza, si presumeva comunemente che avere una voce interiore dovesse essere una cosa umana universale. Ma negli ultimi anni i ricercatori si sono resi conto che non tutti condividono questa esperienza.

Secondo il ricercatore post-dottorato e linguista Johan Nedergaard dell’Università di Copenaghen, le persone descrivono lo stato di vita senza una voce interiore come dispendioso in termini di tempo e difficile perché devono dedicare tempo e fatica a tradurre i loro pensieri in parole:

“Alcuni dicono di pensare per immagini e poi di tradurre le immagini in parole quando hanno bisogno di dire qualcosa. Altri descrivono il loro cervello come un computer ben funzionante che non elabora i pensieri verbalmente e che comunicare con un altoparlante e un microfono è diverso dal comunicare. con altri.

“E quelli che dicono che c’è qualcosa di verbale che accade nelle loro teste di solito lo descrivono come parole senza suono.”

– Difficoltà a ricordare parole e rime

Johan Nedergaard e il suo collega Gary Lupyan dell’Università del Wisconsin-Madison sono i primi ricercatori al mondo a indagare se la mancanza di una voce interiore, o Andonovasia Poiché hanno formulato questo caso, esso ha delle conseguenze sul modo in cui queste persone risolvono i problemi, ad esempio su come eseguono compiti di memoria verbale.

READ  Jay Pasachoff, che ha passato la vita a inseguire le eclissi, mancherà l’8 aprile

Le persone che hanno riferito di aver sperimentato un alto grado di voce interiore o pochissima voce interiore nella vita di tutti i giorni sono state sottoposte a un esperimento volto a determinare se ci fosse una differenza nella loro capacità di ricordare input linguistici e un altro sulla loro capacità di trovare parole in rima.

Il primo esperimento prevedeva che i partecipanti ricordassero le parole in ordine: parole simili, sia foneticamente che ortograficamente, ad esempio “comprato”, “catturato”, “fregato” e “verruca”.

“È un compito che sarebbe difficile per tutti, ma la nostra ipotesi era che potrebbe essere più difficile se non hai una voce interiore perché devi ripeterti le parole nella tua testa finché non le ricordi.” Johan Nedergaard spiega e continua:

Questa ipotesi si è rivelata corretta: i partecipanti che non avevano una voce interiore erano significativamente peggiori nel ricordare le parole.

Lo stesso valeva per il compito in cui i partecipanti dovevano determinare se una coppia di immagini contenesse parole in rima, ad esempio le immagini di un calzino e di un orologio.

In questo caso è anche importante saper ripetere le parole per confrontare i loro suoni e determinare così se fanno rima o meno.

In altri due esperimenti, in cui Johan Nedergaard e Gary Lupyan hanno testato il ruolo della voce interiore nel passaggio rapido tra compiti diversi e nella distinzione tra forme molto simili, non hanno trovato differenze tra i due gruppi.

Sebbene studi precedenti suggeriscano che il linguaggio e la voce interiore giochino un ruolo in questo tipo di esperienza.

Le persone che non hanno una voce interiore potrebbero aver appena imparato a usare altre strategie. Ad esempio, alcuni hanno affermato di toccare il dito indice quando eseguono un tipo di attività e il dito medio quando eseguono un altro tipo di attività”, afferma Johan Nedergaard.

READ  L'eclissi solare "Anello di Fuoco" avverrà presto. Ecco cosa dovresti sapere

I risultati dello studio dei ricercatori sono stati appena pubblicati in un articolo intitolato “Non tutti hanno una voce interiore: conseguenze comportamentali della perdita di fase” sulla rivista scientifica Scienze psicologiche.

C’è una differenza?

Secondo Johan Nedergaard, le differenze nella memoria verbale identificate nei loro esperimenti non sarebbero state osservate nelle normali conversazioni quotidiane. La domanda è: avere una voce interiore ha qualche significato pratico o comportamentale?

“La risposta breve è che non lo sappiamo perché stiamo appena iniziando a studiarlo. Ma c’è un’area in cui sospettiamo che avere una voce interiore abbia un ruolo, ed è la terapia nella terapia cognitivo comportamentale ampiamente utilizzata; ad esempio, è necessario identificare modelli di pensiero negativi e modificarli. Avere una voce interiore può essere molto importante in tale processo.

“Tuttavia, non è ancora chiaro se le differenze nell’esperienza della voce interiore siano legate al modo in cui le persone rispondono ai diversi tipi di terapia”, afferma Johan Nedergaard, che vuole continuare la sua ricerca per vedere se altre aree linguistiche vengono interessate se si fa non avere una voce interiore.

“Gli esperimenti in cui abbiamo riscontrato differenze tra i gruppi riguardavano il suono e la capacità di sentire le parole stesse. Vorrei studiare se ciò è dovuto al fatto che non sperimentano l’aspetto sonoro del linguaggio o se non ci pensano affatto forma linguistica come la maggior parte delle altre persone”.

A proposito dello studio

Lo studio di Johan Nedergaard e Gary Lupyan ha incluso quasi un centinaio di partecipanti, metà dei quali avevano pochissima voce interiore e l’altra metà aveva moltissima voce interiore.

READ  La sonda solare Parker della NASA batte il record per l'oggetto creato dall'uomo più veloce

I partecipanti sono stati esposti a quattro prove, ad esempio, ricordando le parole in sequenza e passando da un compito all’altro.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Scienze psicologiche.

Johan Nedergaard e Gary Lupyan hanno chiamato anendofasia la condizione di non avere una voce interiore, che significa non avere una voce interiore.

Informazioni sull’amnesia e sulle novità della ricerca sulla memoria

autore: Carsten Munk Hansen
fonte: Università di Copenaghen
comunicazione: Carsten Munk Hansen – Università di Copenaghen
immagine: Immagine accreditata a Neuroscience News

Ricerca originale: Accesso chiuso.
Non tutti hanno una voce interiore: conseguenze comportamentali dell’endofobia“Di Johan Nedergaard et al. Scienze psicologiche


un sommario

Non tutti hanno una voce interiore: conseguenze comportamentali dell’endofobia

Si presume generalmente che il linguaggio interiore – l’esperienza del pensiero così come avviene nel linguaggio naturale – sia universalmente umano.

Tuttavia, prove recenti suggeriscono che l’esperienza del linguaggio interiore negli adulti varia da quasi costante a inesistente.

Proponiamo un nome per l’inesperienza del linguaggio interiore – Anendofasia – e riportiamo quattro studi che indagano alcune delle sue conseguenze comportamentali.

Abbiamo scoperto che gli adulti che riportavano livelli più bassi di linguaggio interiore (N = 46) hanno avuto prestazioni inferiori in un compito di memoria di lavoro verbale e maggiori difficoltà nell’eseguire giudizi sulle rime rispetto agli adulti che hanno riportato alti livelli di linguaggio interiore (N = 47).

Le prestazioni di cambio di compito, precedentemente legate a segnali verbali interni e agli effetti categorici sui giudizi percettivi, non erano correlate alle differenze nel linguaggio interno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto