Palermo

Palermo, un murales nasce allo Sperone, a pochi passi da una scuola vandalizzata durante il lockdown

Il nuovo murale di Igor Scalisi Palminteri: “Dedico questo muro a mia figlia che ha 5 anni e con lei, a tutti i bambini e le bambine di questa città. Perché sono la nostra unica possibilità, per costruire insieme una visione nuova, una Palermo possibile che riesca a guardare alla bellezza e al futuro”



Un bambino con le braccia alzate, le palme delle mani in su, i piedi incrociati. Ma lo sguardo non è sconfitto, anzi sembra sfidarti, perché lui, la croce che si allunga come un’ombra sullo sfondo, la vorrebbe tenere alle spalle. “Dedico questo muro a mia figlia che ha 5 anni e con lei, a tutti i bambini e le bambine di questa città. Perché sono la nostra unica possibilità, per costruire insieme una visione nuova, una Palermo possibile che riesca a guardare alla bellezza e al futuro”. Il nuovo murale di Igor Scalisi Palminteri è stato appena completato, ed è forte, molto forte: nato sul muro di 18 metri di una palazzina dello Sperone (via XXVII maggio), a pochi passi dalla scuola ICS Sperone-Pertini, vandalizzata durante il lockdown, è uno dei simbolo di questa difficile ripartenza.

Per ricordare al mondo che i bambini non devono soffrire, e non solo a Palermo. “Io SONO te” è stato suggerito all’artista proprio da un suo piccolo amico che una volta lo ha aiutato con pennelli e colori. E dalla voglia di dire no a chi non dedica la giusta attenzione ai più piccoli. Igor Scalisi Palminteri spesso ha “usato” muri dei quartieri popolari per interventi di riqualificazione urbana, dal forte messaggio emotivo. In questo caso il progetto, supportato da Beyond Lampedusa, Fondazione Sant’Elia ed MLC, è nato in seno al movimento sociale ONE Voice. Questo murale è nato da uno sguardo, un’immagine in un soffio, che si è saldata quasi naturalmente all’iconografia cattolica della Croce. “Un bambino con le braccia alzate – spiega l’artista -: ci chiede aiuto, o ci invita a volare alto, sopra il cemento di un quartiere trascurato, sopra lo sporco che sta fuori e dentro di noi. E non parlo solo delle istituzioni, ma di una società che non è attenta ai più deboli. Spero tanto che questo dipinto sia di buon auspicio perché l’ombra della croce possiamo un giorno mettercela alle spalle”.

______________________________________________________________________
Seguici sulla nostra pagina Facebook de Il Tarlo

Articoli Correlati

Back to top button
Close