Record del Nikkei, prezzo del petrolio, OPEC+

3 ore fa

L'indice giapponese Nikkei 225 supera per la prima volta la barriera dei 40.000 punti, continuando a raggiungere livelli record

La Borsa di Tokyo (TSE), gestita da Japan Exchange Group Inc. (JPX), a Tokyo, Giappone, venerdì 16 febbraio 2024. Kosuke Okahara/Bloomberg tramite Getty Images

Bloomberg | Bloomberg | Immagini Getty

Lunedì l'indice giapponese Nikkei 225 ha raggiunto un altro record, superando il livello di 40.000. Negli ultimi scambi l'indice è aumentato dello 0,8%.

L’indice di riferimento ha raggiunto livelli record, raggiungendo i massimi storici per la prima volta in 34 anni.

Sia il Nikkei che il più ampio Topix sono stati tra i migliori mercati azionari della regione Asia-Pacifico. Quest'anno il Nikkei è cresciuto di oltre il 20%, mentre il Topix è cresciuto di circa il 15%.

Gli utili robusti e le misure favorevoli agli investitori adottate dal governo giapponese hanno alimentato un forte rialzo delle azioni quest’anno.

Lunedì l'indice Broad Topix è salito dello 0,1%, dopo aver superato la soglia dei 2.700 e aver raggiunto il livello record venerdì scorso.

– Shreyashi Sanyal

3 ore fa

CNBC Pro: un investitore veterano sceglie i titoli globali “Glorious 10” con guadagni annuali del 30% negli ultimi cinque anni

I grandi nomi della tecnologia statunitense hanno avuto performance di spicco lo scorso anno, poiché gli investitori si sono concentrati sui cosiddetti titoli “Big Seven”: Alphabet, Amazon, Apple, Meta Platforms, Microsoft, Nvidia e Tesla.

Insieme, questi titoli sono stati alla base di gran parte dei guadagni che hanno spinto l’indice di riferimento S&P 500 a salire di circa il 25% nel 2023.

Tuttavia, l’investitore e trader veterano Adam Reynolds sta guardando oltre la tecnologia statunitense e puntando su 10 gemme meno conosciute in Europa, Giappone e Australia.

READ  Prezzo Bitcoin | Le operazioni short su Bitcoin si accumulano quando il prezzo di BTC sale sopra i 30.000 dollari

questi Le azioni hanno una capitalizzazione di mercato di oltre 50 miliardi di dollari e hanno registrato un tasso di crescita complessivo di almeno il 30% annuo negli ultimi cinque anni.

Gli abbonati CNBC Pro possono leggere di più qui.

-Amala Balakrishner

3 ore fa

La produzione industriale in Corea del Sud è diminuita per il secondo mese consecutivo e le vendite al dettaglio sono aumentate a gennaio

La produzione industriale della Corea del Sud è diminuita per il secondo mese consecutivo a gennaio, mentre le vendite al dettaglio sono cresciute durante il periodo Mese secondo i dati.

La crescita della produzione industriale a gennaio è scesa dell’1,3%, rispetto allo 0,5% rivisto del mese precedente. Le aspettative di un sondaggio Reuters indicavano un aumento dell'1%.

Le vendite al dettaglio in Corea del Sud sono aumentate dello 0,8% a gennaio, dopo essere scese dello 0,8% nel mese precedente.

– Shreyashi Sanyal

3 ore fa

CNBC Pro: Dan Niles rivela perché gli piacciono i “Fantastici Quattro” e quando potrebbe scoppiare la “bolla dell'intelligenza artificiale”

Venerdì 1 marzo 2024 alle 15:26 ET

La tecnologia guida i guadagni settimanali del settore

Viene visualizzato il logo NetApp, Inc.. Visualizzato sugli smartphone.

Igor Golovniov | Razzo Lite | Immagini Getty

Questa settimana il settore tecnologico è cresciuto di circa il 2,4% risultando il settore con la migliore performance nell'indice Standard & Poor's 500. Le azioni NetApp sono aumentate del 20,2% guidando i guadagni del settore.

Il settore dei beni di consumo voluttuari è stato il secondo miglior settore, con un aumento del 2,1%.

Nel frattempo, il settore sanitario, in calo dell'1,1%, ha registrato la settimana più sottoperformante fino ad ora.

READ  Questa città del sud è il luogo principale per avviare un'attività in proprio

— Hakyung Kim

Venerdì 1 marzo 2024 alle 15:01 ET

Citi afferma che c'è ancora un margine di rialzo per il rialzo del titolo

Con tutti e tre i principali indici azionari che hanno registrato guadagni per il quarto mese consecutivo, è giusto chiedersi se il rally azionario sia stato troppo forte, troppo veloce.

Tutto considerato, la bolla non è cresciuta in proporzioni gigantesche, ha detto Citi.

“L'attuale bolla azionaria non è (ancora) molto significativa in termini di apprezzamento dei prezzi, durata, valutazione o sentiment. Alcuni si chiedono se sia proprio una bolla, date le prospettive di una forte crescita degli utili”, ha detto Dirk Wheeler di Citibank. . “Quindi pensiamo che il mercato probabilmente abbia più spazio per muoversi”.

Ha aggiunto di rimanere ottimista sui titoli statunitensi, in particolare sui titoli tecnologici.

-Lisa Kailai Han

Venerdì 1 marzo 2024 alle 12:28 ET

Il greggio americano supera gli 80 dollari per la prima volta da novembre prima della decisione dell’OPEC+

I pompatori di petrolio, noti anche come Thirsty Birds, estraggono petrolio greggio da un'area di giacimento di petrolio nel campo di Wilmington vicino a Long Beach, in California, il 30 luglio 2013.

David McNew | Reuters

I futures del petrolio greggio statunitense hanno superato gli 80 dollari al barile per la prima volta in quasi quattro mesi, poiché i segnali indicano una stretta del mercato in vista di una decisione dell’OPEC+ sui tagli alla produzione.

Il contratto West Texas Intermediate di aprile è aumentato di oltre il 2%, o 1,78 dollari, a 80,04 dollari al barile, mentre i futures del greggio Brent di maggio sono aumentati del 2,15%, o 1,76 dollari, a 83,67 dollari al barile.

READ  Azioni, notizie, dati e utili

Il greggio statunitense e internazionale hanno registrato un secondo guadagno mensile consecutivo a febbraio, con i contratti di quasi mese scambiati a premio rispetto ai mesi successivi, di solito un segnale di una contrazione del mercato petrolifero.

L’OPEC+ sta valutando la possibilità di estendere i tagli alla produzione fino al secondo trimestre e forse alla fine dell’anno, hanno affermato tre fonti dell’organizzazione A Reuters questa settimana. Fonti hanno riferito a Reuters che il cartello e i suoi alleati dovrebbero prendere una decisione sui tagli nella prima settimana di marzo.

-Spencer Kimball

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto