Scegliere l’ignoranza: il 40% evita la conoscenza per guadagno egoistico

riepilogo: Una nuova ricerca rivela che, di fronte a una scelta, il 40% degli individui sceglie di rimanere ignorante su come le proprie decisioni influenzano gli altri, spesso sfruttando questa inconsapevolezza per agire in modo più egoistico.

I ricercatori identificano questo comportamento con il fatto che i consumatori chiudono un occhio sulle origini problematiche dei prodotti che acquistano. Negli studi analizzati, ci sono prove che suggeriscono che quando i partecipanti sono stati resi consapevoli delle conseguenze delle loro azioni, si è verificato un aumento del 15,6% del comportamento altruistico.

Ciò suggerisce che, mentre molti possono agire spinti dal desiderio di mantenere una percezione di sé positiva, gran parte dell’altruismo percepito può essere radicato nelle pressioni sociali e nelle opinioni di sé piuttosto che nel genuino rispetto per il benessere degli altri.

Aspetti principali:

  1. Quando ne è stata data l’opportunità, il 40% ha scelto di non conoscere le conseguenze delle proprie decisioni.
  2. L’ignoranza intenzionale ha portato a una diminuzione del 15,6 punto percentuale del comportamento altruistico.
  3. Le persone informate delle conseguenze delle loro azioni avevano il 7% in più di probabilità di agire generosamente rispetto a quelle informate ipoteticamente, indicando un vero altruismo.

fonte: Abba

Secondo una ricerca pubblicata dall’American Psychological Association, quando viene data la possibilità di sapere in che modo le proprie azioni influenzeranno qualcun altro, il 40% delle persone sceglierà l’ignoranza, spesso per avere una scusa per agire egoisticamente.

“Esempi di questa ignoranza intenzionale abbondano nella vita di tutti i giorni, come quando i consumatori ignorano le informazioni sulle origini problematiche dei prodotti che acquistano”, ha affermato l’autore principale Linh Vu, MS, dottorando presso l’Università di Amsterdam nei Paesi Bassi.

READ  Gli scienziati affermano che un’estate senza ghiacci nell’Artico è possibile entro il prossimo decennio Polo Nord

“Volevamo capire quanto sia diffusa e dannosa l’ignoranza, e perché le persone ne sono coinvolte”.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Bollettino psicologico.

Fu e i suoi colleghi hanno condotto una meta-analisi di 22 studi di ricerca con un totale di 6.531 partecipanti. Tutti gli studi sono stati condotti in laboratori di ricerca o online, e la maggior parte ha seguito un protocollo in cui ad alcuni partecipanti venivano raccontate le conseguenze delle loro azioni, mentre altri potevano scegliere se apprenderle o meno.

In un esempio, i partecipanti dovevano scegliere tra ricevere una ricompensa più piccola (5 dollari) o una ricompensa più grande (6 dollari). Se scelgono $ 5, anche il peer anonimo (o l’ente di beneficenza) riceverà $ 5. Tuttavia, se sceglie la ricompensa maggiore di 6$, l’altro destinatario riceverà solo 1$. A un gruppo di partecipanti è stata offerta la possibilità di conoscere le conseguenze della propria scelta, mentre a un altro gruppo sono state comunicate automaticamente le conseguenze.

Nel corso degli studi, i ricercatori hanno scoperto che, quando potevano scegliere, il 40% delle persone sceglieva di non conoscere le conseguenze delle proprie azioni. Questa ignoranza intenzionale era associata a un minore altruismo: le persone avevano il 15,6% di probabilità in più di essere generose con un’altra persona quando venivano informate delle conseguenze della loro scelta rispetto a quando potevano rimanere ignoranti.

I ricercatori hanno ipotizzato che una delle ragioni dell’ignoranza intenzionale potrebbe essere che alcune persone agiscono in modo altruistico perché vogliono mantenere un’immagine di sé positiva per essere una persona altruista. In questi casi, l’ignoranza intenzionale può consentire loro di mantenere quell’immagine di sé senza dover agire altruisticamente.

READ  SpaceX lancia in orbita 22 satelliti Starlink dalla Florida (video)

Una meta-analisi lo supporta, secondo il coautore dello studio Shaul Shalvi, Ph.D., professore di etica comportamentale all’Università di Amsterdam. Questo perché le persone che hanno scelto di conoscere le conseguenze delle proprie azioni sono state 7 punti percentuali più generose rispetto ai partecipanti che hanno ricevuto le informazioni per impostazione predefinita. Ciò suggerisce che le persone veramente influenti scelgono di conoscere le conseguenze delle loro azioni.

“I risultati sono affascinanti perché suggeriscono che gran parte del comportamento altruistico che osserviamo è guidato dal desiderio di comportarci come gli altri si aspettano che facciamo”, ha detto Shalvi.

“Mentre la maggior parte delle persone è disposta a fare la cosa giusta quando è pienamente consapevole delle conseguenze delle proprie azioni, questa volontà non è sempre dovuta al fatto che le persone si preoccupano degli altri.

“Parte del motivo per cui le persone agiscono in modo altruistico è dovuto alle pressioni sociali e al desiderio di vedersi sotto una buona luce. Poiché essere buoni è spesso costoso e richiede alle persone di rinunciare al proprio tempo, denaro e impegno, l’ignoranza fornisce una via semplice fuori.”

Tutti gli studi inclusi in questa meta-analisi sono stati condotti in laboratori negli Stati Uniti o in Europa occidentale o su piattaforme online come Amazon Mechanical Turk. Secondo i ricercatori, la ricerca futura dovrebbe mirare a esaminare l’ignoranza intenzionale in contesti più diversi e studiare modi per combattere questo comportamento.

A proposito di queste notizie sulla ricerca psicologica

autore: James Sliwa
fonte: Abba
comunicazione: James Sliwa – APA
immagine: Immagine accreditata a Neuroscience News

Ricerca originale: Accesso libero.
Ignoranza per scelta: una revisione meta-analitica delle motivazioni sottostanti e delle conseguenze dell’ignoranza intenzionale“Di Shaul Shalvi et al. Bollettino psicologico


un sommario

READ  Buone e cattive notizie per il sogno più grande degli astronomi

Ignoranza per scelta: una revisione meta-analitica delle motivazioni sottostanti e delle conseguenze dell’ignoranza intenzionale

Le persone a volte evitano le informazioni sull’impatto delle loro azioni come scusa per l’egoismo. Tale “ignoranza intenzionale” riduce il comportamento altruistico e ha effetti deleteri in molti contesti consumistici e organizzativi.

Riportiamo la prima meta-analisi sull’ignoranza intenzionale, testando la forza del suo effetto sul comportamento altruistico ed esaminandone i fattori sottostanti. Abbiamo analizzato 33.603 decisioni prese da 6.531 partecipanti attraverso 56 diverse influenze terapeutiche, tutte utilizzando variazioni di un paradigma sperimentale che valuta l’ignoranza intenzionale.

I risultati della meta-analisi rivelano che il 40% dei partecipanti evita informazioni facilmente ottenibili sulle conseguenze delle proprie azioni per gli altri, con una conseguente diminuzione del comportamento altruistico di 15,6 punti percentuali rispetto a quando le informazioni sono state fornite.

Discutiamo le motivazioni dietro l’ignoranza intenzionale e presentiamo prove coerenti con comportamenti di ricerca di scuse per mantenere un’immagine di sé positiva.

Indaghiamo sui moderatori dell’ignoranza intenzionale e affrontiamo le implicazioni teoriche, metodologiche e pratiche delle nostre scoperte su chi si impegna nell’ignoranza intenzionale, nonché quando e perché.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto