PalermoStorie e Uomini

Siciliae Mundi: in difesa dei cittadini senza condizionamenti. Intervista al presidente Loredana Novelli

Un’associazione nata con una missione ben definita: tutelare i cittadini spendendosi a difesa dei loro diritti e rappresentando le istanze della gente dentro i Palazzi istituzionali, qualunque esso sia

Siciliae Mundi è un’associazione nata con una missione ben definita: tutelare i cittadini spendendosi a difesa dei loro diritti e rappresentando le istanze della gente dentro i Palazzi istituzionali, qualunque esso sia; tutto ciò senza sconti e spada tratta, avendo la difesa dei cittadini come unica stella polare del proprio operato. In una lunga ed interessante intervista abbiamo parlato con Loredana Novelli, presidente di Siciliae Mundi e donna dal carattere forte e combattivo che da sempre si spende a sostegno di chi spesso non ha voce e si lascia, per questo, travolgere dal peso delle circostanze.

Loredana Novelli, presidente dell’associazione Siciliae Mundi, realtà impegnata a difesa dei diritti dei cittadini, di cosa vi occupate?

«Siciliae Mundi nasce da un percorso di vita personale,dalla mancanza di interlocuzione tra cittadini e istituzioni che siano esse finanziarie, banche o partecipate regionali e comunali a tutela e a difesa di tutti i cittadini del territorio italiano, infatti è una delle poche associazioni a livello nazionale che opera in tal senso. Fino a qualche anno  abbiamo operato molto su Napoli e in tutta la Campania oltre che nel Lazio, ed in Piemonte. La mia vita si divideva tra Palermo e Napoli dove a volte facevo tappa fissa muovendomi anche per altre regioni. Tutto questo veniva ripagato da enormi soddisfazioni personali e tanti sacrifici . Ma sai, avendo subito un enorme catastrofe finanziaria a causa di “cartelle esattoriali “ ho sempre sostenuto che “ o rischi d’impazzire o se conosci la macchina burocratica ti butti a capofitto per te ma principalmente per i tuoi figli” ed è quello che ho fatto. Solo  qualche anno fa ho deciso che era il caso di fermermi  in Sicilia : la mia terra!»

Diritti dei cittadini ma anche solidarietà, ci parli dell’impegno dell’associazione e del sodalizio con Diventerà Bellissima

«La storia di Siciliae Mundi nasce con me, personalmente sono impegnata in politica dal 1984, il sodalizio con Diventerà Bellissima ha visto luce nel 2015, quando decido autonomamente e mi piace sottolinerlo, di seguire Alessandro Aricò , un peccato lasciar perdere 30 anni e più di esperienza in politica , cè tanto da fare e da dare ancora. Giugno 2017  decido  di candidarmi al Consiglio Comunale con una lista civica con Orlando Sindaco, perché Orlando? Tutto ha un suo perché…diciamo che era un’esperienza che mi mancava nella vita . Dopo questa piccola parentesi ad agosto 2017 decido di stare ufficialmente al fianco di Diventerà Bellissima e  prima che del cambio del governo regionale siciliano, dunque prima dell’arrivo di Musumeci come presidente di regione. Siciliae Mundi portava avanti un grande esposto contro l’ospedale Villa Sofia per un problema molto serio di malasanità, erano i tempi di Crocetta e Tutino per intenderci. Allo stesso tempo io come presidente ho sempre avuto particolare attenzione per la tutela dei cittadini e per far rivalere i loro diritti nei confronti di realtà come Equitalia e Riscossione Sicilia, proprio a seguito di queste due grosse istanze  ho ritenuto opportuno essere vicino al Governo Musumeci a tutela delle necessità dei cittadini. E’ doveroso specificate che Siciliae Mundi è un associazione apartitica  collabora e lavora con tutte le istituzioni perché la TUTELA non ha un colore politico. Che io abbia la tessera di Diventerà bellissima (unica tessera di partito in 38 anni di politica) prescinde dalle scelte dell’associazione che ha un suo CDA composto da cinque persone che hanno a cuore le giuste cause.»

Solidarietà, come detto, al di là di qualsiasi colore politico. Siciliae Mundi è un’associazione fortemente impegnata in progetti di volontariato.

«Siamo molto vicini all’ALSTI, l’oncologico pediatrico dell’ospedale Civico di Palermo, siamo l’unica associazione che non ha mai richiesto un finanziamento, non abbiamo mai voluto niente e di questo vado fiera. Puo’ sembrar strano ma davanti a tutto mettiamo la vita umana e la tutela delle persone, con l’oncologico pedriatico è nato un rapporto di profonda collaborazione ed amicizia che va avanti da 4 anni con gli appuntamenti fissi del Natale e della Pasqua, momenti che riempiono il cuore ai piccoli pazienti, alle loro famiglie ed anche a noi.»

Parlando di quello che drammaticamente sta segnando il 2020 come uno degli anni più funesti della storia, come vedi l’andamento del Coronavirus nella città di Palermo e l’atteggiamento della politica in difesa delle categorie in difficoltà?

«Ci troviamo in un momento drammatico dove non si riesce a capire la realtà che ci sta circondando perchè combattiamo contro uno sconosciuto, un fantasma che non sappiamo da dove sia arrivato, la gente è molto confusa. Confusa perchè circondata da una classe politica che non sa fare politica e che usa tutto esclusivamente a scopo personale, la Sicilia come tutta Italia ha avuto una sanità distrutta negli anni da una classe politica che oggi ci governa e l’assessore alla salute Razza che dal niente e riuscito per lo meno a fare qualcosa non puo’ essere additato come il colpevole di questo declino. Assistiamo  a vergognosi attacchi da chi  non sa nemmeno cosa significa la parola politica, viviamo giornalmente attacchi virtuali e bufale che vengono smentite ripetutamente, perdiamo solo tempo (vedi l’ultima seduta d’aula “mozione di sfiducia all’Assessore Razza” , conclusione? Solo perdita di tempo e qualche giorno guadagnato di finta notorietà , chiaramente come saprai la mozione di sfiducia non è passata. In questo momento dovremmo essere tutti molto uniti, pensare ai seri problemi che questa pandemia ha generato come le tante partite IVA che a fine dicembre chiuderanno, le tante persone in attesa di un lavoro, la forte crisi economica e principalmente la vita umana. La campagna elettorale sarà argomento futuro, adesso sono tanti quelli che vivono solo di attacchi, di accordi e di assalti al governo siciliano, in questo modo la gente non capisce molto. Dovremmo stare a casa, stare attenti ed evitare determinate cose ed è compito del governo nazionale quello di aiutare gente ridotta al lumicino come ad esempio gli imprenditori e i lavoratori della ristorazione.»

Da una regione all’altra del sud Italia, hanno fatto scalpore le parole del Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia sulla compianta presidente della Calabria Jole Santelli. Tanta l’indignazione e la richiesta di scuse in memoria della Santelli, il suo punto di vista?

«Ho imparato a riflettere molto prima di rispondere a certe domande, sono stata querelata una sola volta in vita mia ed ho vinto quella battaglia, non vorrei avere una querela da questa gente – parlo del Movimento 5 Stelle tutto – che è una realtà che non mi rappresenta. Le parole di Morra sono vergognose, questa gente dovrebbe non solo vergognarsi ma andare via dall’Italia perchè non fanno altro che instillare odio nell’animo della gente e andiamo a toccare un argomento molto serio. Ho letto diversi commenti molto cattivi nei confronti del presidente Morra che deploro ogni ardimento verbale, sicuramente qust’uomo non sa cosa significa vivere accanto ad un malato oncologico così come non ha percezione di cosa significhi avere un tumore, una dichiarazione del genere non l’ho mai letta in tutti i miei 38 anni di politica, è un’offesa all’umanità intera e non si può giustificare l’atteggiamento di chi dice qualcosa di così grave e poi chiede scusa. Questo è il governo che ci rappresenta, ma siamo rappresentati male. Noi italiani e siciliani non possiamo essere rappresentati da gente che pur di avere i propri 5 minuti di gloria si esibisce in esternazioni così tremende. Ai miei tempi lo avrebbero già preso e buttato fuori, specie per il ruolo che Morra ricopre, questa gente ricopre ruoli cruciali forse senza nemmeno sapere cosa sia la mafia ma soprattutto l’antimafia, è gente presa dalla propria abitazione e messa a governare, questi sono i risultati.»

Articoli Correlati

Back to top button
Close