Tom Hayes perde l'appello contro la condanna per brogli del Libor

Apri Editor's Digest gratuitamente

Tom Hayes ha fallito nel suo tentativo di ribaltare la sua condanna per aver manipolato i parametri di riferimento dei tassi di interesse, poiché la Corte d'appello di Londra ha confermato un verdetto di colpevolezza contro il trader di UBS e Citigroup nove anni fa.

Hayes ha scontato cinque anni e mezzo di prigione dopo essere stato condannato da una giuria nel 2015 per aver manipolato il Libor. Era una delle nove persone perseguite con successo dal Serious Fraud Office inglese per aver frodato i tassi di interesse.

La Corte d'Appello ha esaminato il caso di Hayes insieme a Carlo Palombo, un ex trader della Barclays che ha ricevuto una condanna simile a quattro anni di reclusione per aver manipolato l'Euribor.

Ad entrambi è stata data la possibilità di riabilitare il proprio nome dopo un esame da parte della Commissione di revisione dei casi penali, che indaga su possibili errori giudiziari.

La coppia ha lanciato il suo appello un decennio dopo lo scandalo scoppiato sul Libor – o il tasso interbancario offerto di Londra – che ha inviato onde d’urto attraverso i mercati finanziari e costato alle banche miliardi in multe e transazioni.

Una parte centrale dell’appello di Hayes è che una sentenza del 2022 negli Stati Uniti ha annullato le condanne di due ex trader della Deutsche Bank, Matthew Connolly e Kevin Black, su tutte le accuse contro Hayes per il loro ruolo nello schema di manipolazione del Libor. L'America è stata abbandonata.

READ  March Madness: Clemson esclude Caleb Love dell'Arizona per raggiungere il primo Elite Eight dal 1980

Tuttavia, in una sintesi della sua sentenza di mercoledì, Lord Justice Bean della Corte d'appello ha affermato che la sentenza statunitense “non mette in dubbio la correttezza delle decisioni precedenti” dei tribunali inglesi “secondo la legge inglese”.

“Entrambi i ricorsi sono respinti”, ha detto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto