Un mistero noioso e spettrale di Agatha Christie

Lui gioca

Un altro film di Agatha Christie, un altro giallo della vecchia scuola che non è all’altezza degli impressionanti baffi di Kenneth Branagh.

“A Haunting in Venice” (★★½ su quattro; classificato PG-13; nelle sale venerdì), la terza uscita di Branagh nei panni del detective belga Hercule Poirot (e la sua terza volta sulla sedia del regista), è solo marginalmente migliore dei due gite I due vecchi, “Assassinio sull’Orient Express” del 2017 e “Morte sul Nilo” dell’anno scorso. Nel suo ultimo giallo costellato di stelle, basato su “Halloween Party” di Christie, Branagh sfida la mente deduttiva e il sistema di credenze soprannaturali di Poirot e lo circonda di orrore che può solo far emergere una trama scricchiolante e personaggi estremamente deboli.

Questa storia è ambientata nel 1947 – 10 anni dopo Il Nilo, se contiamo – e vede Poirot in pensione e residente a Venezia. Dopo una carriera in cui ha visto il peggio dell’umanità risolvendo omicidi e assistendo agli orrori della guerra, l’ex detective si accontenta di fare giardinaggio, nascondersi da potenziali clienti e aspettare consegne di pasticcini (come i postini del dopoguerra).

“Torte per casi”, lo prende in giro la fidanzata di Poirot, Ariadne Oliver (Tina Fey), quando viene a trovarlo. Il miglior scrittore di gialli del mondo è a Venezia per una seduta spiritica di Halloween tenutasi in una villa presumibilmente infestata, che un tempo era un orfanotrofio ma che ora si dice ospiti gli spiriti dei bambini torturati.

READ  Il caso dell'omicidio di Tupac Shakur lascia molte domande: che dire di Biggie?

La proprietaria della villa è la star dell’opera Rowena Drake (Kelly Reilly), una soprano che non ha cantato una nota da quando sua figlia malata Alicia ha rotto il fidanzamento e ha infilato goffamente la testa in un canale vicino, e ha assunto la famosa sensitiva Joyce Reynolds ( Michele). Yeoh) per tenere un incontro per comunicare con il caro defunto.

Sapendo che Poirot penserà che tutto questo non ha senso, Arianna lo convince a venire e smascherare la “empia” signora Reynolds come un ciarlatano. Ma una notte lunga e contorta inizia in modo mortale: uno degli ospiti muore, i sopravvissuti vengono intrappolati da una brutta tempesta e Poirot torna a fare ciò che sa fare meglio, anche se il nostro eroe è fuori gioco quando inizia. Vedere e sentire cose strane.

C’è un cast interessante che circonda l’elenco dei sospettati, tra cui i co-protagonisti di “Belfast” Jamie Dornan e Judd Hill nei panni di un medico affetto da disturbo da stress post-traumatico, il suo intelligente figlio Kyle Allen (“West Side Story”) nei panni dell’ex fidanzato di Alicia, e Camille Cotten. (“Stillwater”) nei panni della fedele governante di Rowena. L’Arianna di Fey è l’unico giocatore di supporto che riesce davvero a farcela, come un sarcastico contrasto con il riservato Poirot. Il detective stesso ottiene un’altra incarnazione decente di ciò che Christie ha portato sulla pagina grazie alla sceneggiatura di Michael Green, che si prende più libertà con il materiale originale rispetto a “Orient Express” e “Nile” con i loro volumi più famosi.

Come i precedenti gialli di Branagh, “Venezia” è molto bella da guardare, e la musica classica e oscura del compositore premio Oscar “Joker” Hildur Gudnadottir crea un’atmosfera divertente e inquietante insieme a gondolieri italiani mascherati e bambini in costume. Tuttavia, a parte Yeoh e l’occasionale personaggio strano nello specchio, non è così spaventoso come potrebbe o potrebbe essere – la “Haunted Mansion” per famiglie è molto più inquietante, francamente – e la narrazione è troppo difficile da superare prima. Quello. Poirot finalmente rivela tutto.

READ  Jimmy Kimmel dice che i dirigenti della ABC erano terrorizzati dallo skeet di John Cena

Da “The Nun 2” a “L’esorcista: The Believer”: Guarda 20 nuovi film spaventosi di Halloween

Il problema principale con questi adattamenti di Christie è che, sebbene siano abbastanza eleganti e utili, non hanno l’energia contagiosa e l’avventura dei film Knives Out o anche una versione più riconoscibile di un classico della letteratura. Genere spionistico come la serie TV “Sherlock”. Diversi corpi muoiono e i peli del viso di Poirot sono ancora al loro posto, ma “Haunting” non riesce a esorcizzare abbastanza i fantasmi del passato per una storia elettrizzante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto