Una madre palestinese-americana e i suoi figli attraversano finalmente il confine di Rafah dopo essere fuggiti dalla guerra tra Israele e Hamas

Cairo – Quando Leila Bisso ha finalmente visto il suo nome sulla nuova lista di 400 americani autorizzati a lasciare la Striscia di Gaza e fuggire in Egitto attraverso il confine di Rafah dalla brutale guerra tra Israele e Hamas, si è sentita profondamente sollevata al pensiero di fuggire. L’area pesantemente bombardata continuava con maggiore preoccupazione.

L’elenco è stato diffuso dal ministero degli Interni di Gaza, controllato da Hamas 400 nomi di cittadini americani Giovedì è stato approvato l’attraversamento del confine con l’Egitto. Ma Bizezo, una madre palestinese-americana dell’Ohio, è rimasta sorpresa nel vedere che i suoi due figli piccoli non erano tra i nomi elencati.

Bisso ha tre figli. Hassan, il maggiore, ha 12 anni e ha la cittadinanza americana, ma suo fratello Mohammed di 7 anni e la sorella Nata di 10 sono nati a Gaza. Non possiedono passaporti statunitensi. I funzionari di frontiera palestinesi hanno permesso a Laila Biseiso e ai suoi tre figli di attraversare il cancello di confine, ma lei e i bambini stanno ora aspettando nelle acque egiziane.

La palestinese-americana Layla Bizezo ha tre figli, Hassan, 12 anni; Nastro, 10; E Mohammed, 7 anni, ha posato per una foto.

Laila Bizo


Pizzo aveva l’impressione che il Dipartimento di Stato americano avrebbe consentito ai familiari più stretti di viaggiare con titolari di passaporto statunitense. UN Rapporto del Dipartimento di Stato di ottobre “I cittadini statunitensi e i loro parenti stretti continueranno a lavorare urgentemente con l’Egitto e Israele per aiutarli a lasciare Gaza in sicurezza e viaggiare attraverso l’Egitto verso le loro destinazioni finali”, ha affermato.

Mercoledì, notizie CBS Ho parlato con Susan Besiso, una cugina americana di Besisoche stava aspettando di attraversare il confine, e ha detto che il Dipartimento di Stato ha emesso la sua direttiva secondo cui “ai cittadini statunitensi e ai loro familiari verranno assegnate date di partenza specifiche per garantire un attraversamento ordinato”.

Una madre palestinese-americana, Biseiso, ha chiamato più volte l’ambasciata americana al Cairo nel tentativo di chiarire la situazione dei suoi figli. Funzionari dell’ambasciata hanno detto a Bizezo di aver inviato i nomi dei suoi figli al governo egiziano nel tentativo di consentire loro di partire con lei.

“Hanno preso solo i nomi dei miei due figli che non erano nell’elenco e mi hanno detto: ‘Se vuoi aspettare, dipende da te'”, ha detto Bizzio a CBS News giovedì. “Gli ho detto, sai, è pericoloso tornare indietro e passare il confine, è la quinta volta che vengo qui, è facile venire qui, niente è sicuro, non so cosa fare.”

“È ridicolo aspettarsi che una madre se ne vada senza i suoi figli”, ha detto Bisso.

Bizizo si è recata al valico di Rafah con la sua numerosa famiglia, sperando che andassero tutti insieme in Egitto e poi negli Stati Uniti, ma è rimasta sola con i suoi figli nella sala d’attesa, senza sapere cosa sarebbe successo dopo.

Quando è arrivato in Egitto, è stato accolto dal personale dell’ambasciata americana. Hanno completato i documenti dei suoi figli e gli è stato permesso di entrare in Egitto. Attraverso il valico di frontiera, la famiglia iniziò a viaggiare in autobus fino al Cairo.

I tre figli di Leila Bizezo con le bandiere americane dopo il viaggio da Gaza.

Laila Bizo


READ  I prezzi del petrolio sono saliti alle stelle e questo titolo potrebbe essere un grande vincitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto