Ecco tutte le cose brutte che i testimoni hanno detto sull’ex faccendiere di Trump Michael Cohen, che testimonierà lunedì



CNN

Nessuno ha niente di carino da dire Michael Cohen.

Donald TrumpLunedì dovrebbe prendere posizione un testimone chiave nel caso del procuratore distrettuale di Manhattan contro l’ex presidente. L’attrice di film per adulti Stormy Daniels Prima delle elezioni del 2016.

Attraverso tre settimane di testimonianze, i giurati hanno già sentito molto parlare di Cohen da diversi testimoni, che hanno dipinto un ritratto poco lusinghiero di un avvocato aggressivo, impulsivo e sgradevole.

David Becker, società madre della National Enquirer, American Media Inc. L’ex presidente della , ha detto che Cohen era “incline all’esagerazione”. Ex aiutante di Trump Speranza Hicks Cohen ha detto che gli piace definirsi un “fixer” – “possibile solo perché l’ha rotto per primo”, ha detto. E l’ex avvocato di Daniels, Keith Davidson, ha detto che ha lavorato con Cohen solo perché non voleva avere a che fare – insieme a tutti gli altri – con l’allora manager di Daniels, Gina Rodriguez.

Accelerare le indagini penali di Trump

“Gina mi ha chiamato: ‘Un idiota mi ha chiamato, è stato molto aggressivo e ha minacciato di farmi causa. E, Keith, voglio che tu richiami queste stronzate'”, ha testimoniato Davidson nella terza settimana del processo.

“Odio doverlo chiedere, ma chi è quell’idiota?” ha chiesto il viceprocuratore distrettuale Joshua Steinglass.

“Quello è Michael Cohen”, rispose Davidson.

Cohen è ora sul banco dei testimoni per fornire una testimonianza che potrebbe aiutare a dimostrare che Trump ha falsificato i documenti aziendali quando Cohen avrebbe restituito $ 130.000 a Daniels per impedirgli di rendere pubblico un incontro avvenuto prima delle elezioni del 2016. Trump si è dichiarato non colpevole e ha negato la vicenda.

Cohen è stato l’unico a testimoniare che Trump era coinvolto sia nella decisione di pagare Daniels sia nel piano di ripagare Cohen per aver anticipato il denaro. Cohen fungerà da pubblico ministero e prenderà parte alla giuria da un incontro iniziale in cui Becker, Cohen e Trump avrebbero concordato di acquistare storie negative che potrebbero danneggiare la candidatura presidenziale di Trump per i pagamenti a Daniels giorni prima del giorno delle elezioni. Riunione dello Studio Ovale nel febbraio 2017, settimane dopo l’insediamento di Trump.

I pubblici ministeri sostengono che durante l’incontro di febbraio, Trump e Cohen abbiano concordato le modalità di rimborso di Cohen. Tale accordo, dicono i pubblici ministeri, includeva una falsa narrazione secondo cui Cohen stava lavorando con un accordo di retribuzione. I documenti, dalle fatture alle voci di contabilità generale fino agli assegni firmati da Trump, costituiscono 34 accuse penali nel caso.

I pubblici ministeri hanno aspettato fino alla fine del caso per chiamare Cohen, dopo aver presentato tabulati telefonici, e-mail, messaggi di testo e estratti conto bancari che ritenevano credibili per la giuria. Non hanno cercato di nascondere alla giuria che lui e gli altri testimoni avevano molti problemi.

“Saremo molto sinceri riguardo a ciò che avete fatto a molti dei testimoni in questo caso, che potrebbe essere considerato un bagaglio”, ha detto Steinglass a un gruppo di potenziali giurati durante la selezione della giuria.

La testimonianza potrebbe mettere Trump contro Cohen, che una volta disse che si sarebbe preso una pallottola per l’ex presidente. Si sono visti l’ultima volta quando Cohen ha testimoniato contro Trump Processo per frode civile a New York L’autunno scorso. La testimonianza di Cohen è stata breve, ma il confronto è stato teso.

La posta in gioco è alta questa settimana con una possibile condanna penale e una possibile pena detentiva per Trump, il presunto candidato repubblicano alla presidenza.

Si conclude un lungo viaggio per Cohen, che è ancora addolorato È stato imprigionato per tre anni e arresti domiciliari dopo essersi dichiarato colpevole di accuse di finanziamento della campagna federale relative alle buste paga, tra gli altri crimini.

Cohen ha incontrato i pubblici ministeri più di una dozzina di volte e ha testimoniato davanti a un gran giurì nel processo Hush Money. È esente dalle accuse statali per il suo ruolo nella presunta cospirazione.

Dovrà anche affrontare un controinterrogatorio da parte dell’avvocato di Trump Todd Blanche. Si prevede che gli avvocati dell’ex presidente martellano la credibilità di Cohen, scavando nel suo passato e suggerendo alla giuria che Trump non sapeva quale accordo avesse concluso Cohen o come fosse stato registrato nei libri contabili della sua azienda.

“Cohen è stato attaccato e indebolito dai testimoni dell’accusa prima ancora che prendesse posizione. Da un lato, potrebbe danneggiare le cose prima di prendere posizione. Ma potrebbe anche beneficiare di aspettative inferiori se una giuria ritenesse che è migliore di quanto pubblicizzato,” Lo ha detto l’analista legale senior della CNN ed ex procuratore statale e federale Eli Honig.

Dopo la sua condanna al carcere, Cohen ha pubblicato libri e podcast che attaccavano Trump

Le accuse contro Trump si riferiscono a eventi durante le elezioni del 2016. Ma in molti modi, il caso contro Trump deriva dal suo ex faccendiere Decisione di dichiararsi colpevole Due casi davanti al tribunale federale nel 2018 in cui si sosteneva che avesse fornito contributi illegali alle campagne elettorali in violazione delle leggi federali sul finanziamento delle campagne elettorali. Ha coinvolto Trump direttamente nel piano e ha ammesso che aveva intenzione di pagare Daniels per conto di Trump.

Cohen si è dichiarato colpevole di accuse fiscali e di aver mentito al Congresso sull’impresa commerciale di Trump per costruire la Trump Tower a Mosca. Cohen è stato condannato a tre anni di carcere, che sconterà dietro le sbarre e agli arresti domiciliari.

L’appello di Cohen ha spinto l’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan ad avviare un’indagine sui pagamenti segreti che hanno portato all’incriminazione di Trump l’anno scorso.

Cohen è impegnato a inimicarsi Trump. Ha pubblicato due libri, “Disloyal” nel 2020 e “Revenge” nel 2022, e ha avviato un podcast chiamato “Me Culpa”, in cui ha passato molto tempo a criticare Trump e a sostenere il suo caso.

Sui social media, Cohen ha continuato ad attaccare Trump nelle settimane precedenti il ​​processo e anche dopo il suo inizio. Le critiche sui social media sono culminate con il giudice Juan Merchon che ha detto venerdì ai pubblici ministeri di dare a Cohen un messaggio “dalla panchina” dicendogli che avrebbe dovuto smettere di parlare del caso. (Il commerciante ha detto che un testimone non può votare legalmente.)

Trump si è spesso scatenato nelle interviste e sui social media, anche in diversi casi in cui ha sfidato l’ordine di un giudice. Ordine del gallo Sull’ex presidente per avergli impedito di discutere i testimoni del caso.

A cominciare da Becker, il primo testimone del caso, i giurati hanno ascoltato le critiche di un testimone dopo l’altro alla testimonianza di Cohen.

Becker, che ha incontrato Cohen e Trump in un incontro chiave della Trump Tower nel 2015, ha chiesto all’avvocato di Trump Emil Bowe se Cohen stesse “esagerando”.

“Sì,” disse Becker.

Bowe ha chiesto a Becker se non poteva credere a tutto ciò che Cohen aveva detto. Il giudice si è opposto alla domanda, dicendo all’avvocato di Trump in una discussione laterale che non era la sede per “mettere sotto accusa” la credibilità di Cohen.

Altri testimoni continueranno comunque a farlo.

L’ex banchiere di Cohen, Gary Farrow, ha testimoniato che gli era stato dato il conto di Cohen proprio perché poteva essere fermo con persone che erano “un po’ impegnative”. Farrow ha detto che era giusto definire Cohen un “ragazzo aggressivo”.

“Qualunque cosa avesse bisogno, mi chiamava, ed era sempre qualcosa di urgente”, ha detto il banchiere.

La valutazione più negativa di Cohen è arrivata da Davidson, che ha negoziato accordi in contanti con Cohen per conto di Daniels nel 2016. Davidson ha descritto una conversazione del 2011 tra Daniels e un post sul blog su Trump. Insulti, provocazioni e accuse.”

“Non credo che ci stesse accusando di nulla. Stava urlando”, ha detto Davidson.

L’ex avvocato di Daniels ha spiegato come è stato coinvolto nell’accordo del silenzio quando il manager di Daniels gli ha chiesto di aiutarlo a chiudere un accordo per un accordo di non divulgazione.

Alla domanda sul perché è stato coinvolto, Davidson ha detto: “Morale della storia: nessuno vuole parlare con Cohen”.

Davidson ha ricordato durante l’interrogatorio di Steinglass che dopo che Trump è stato eletto nel 2016, ha ricevuto una telefonata da Cohen che era “molto frustrato e triste” a dicembre.

Ha detto qualcosa del tipo “Gesù Cristo”. Riesci a credere che non andrò a Washington? Dopo tutto quello che ho fatto per quell’uomo. Non posso credere che non andrò a Washington. Ho salvato quel ragazzo così tante volte che non si sa mai.

Altri che non sono legati a Cohen come Davidson hanno avuto cose migliori da dire. A Jeff McCany, ex controller della Trump Organization, è stato chiesto della posizione di Cohen nella società.

“Ha detto che era un avvocato”, ha risposto McConey.

“Lavorava come giurisprudenza?” ha chiesto l’avvocato Matteo Colangelo.

“Immagino di sì”, ha scherzato McKenney.

Hicks, che ha lavorato nella Trump Organization prima di diventare un assistente chiave nella campagna del 2016, ha descritto ai giurati come Cohen – un faccendiere di Trump – potrebbe sfruttare la sua influenza sulla campagna.

“Signor Cohen, ci sono stati momenti in cui ha fatto cose che sentiva non erano utili per ciò che stava cercando di realizzare, non è vero?” ha chiesto Bowe all’addetto stampa della campagna di Trump del 2016.

“Sì”, rispose Hicks. “Si definisce ‘un aggiustatore’ o ‘Mr. Aggiustalo’, perché è stato il primo a romperlo in modo da poter venire ad aggiustarlo.”

READ  40 La migliore cuscini per allattamento del 2022 - Non acquistare una cuscini per allattamento finché non leggi QUESTO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto