Il raffreddamento dell’inflazione core fornirà un sollievo minimo alla Fed

(Bloomberg) – L’inflazione core negli Stati Uniti probabilmente si è attenuata in aprile per la prima volta in sei mesi, offrendo un barlume di speranza che le pressioni sui prezzi stiano iniziando ad allentarsi nuovamente dopo una serie di sorprese al rialzo.

I più letti da Bloomberg

L’indice dei prezzi al consumo core, che esclude cibo e carburante, dovrebbe aumentare dello 0,3% rispetto al mese precedente dopo essere aumentato dello 0,4% nel primo trimestre. Mercoledì è previsto che il Bureau of Labor Statistics rilasci il suo rapporto sull’indice dei prezzi al consumo.

Rispetto ad aprile 2023, l’IPC core dovrebbe aumentare del 3,6%. Anche se questo aumento annuale sarebbe il più piccolo degli ultimi tre anni, è ancora troppo veloce per accontentare i politici della Fed, che vogliono prove del fatto che l’inflazione sta rallentando costantemente mentre dibattono sui tempi dei tagli dei tassi di interesse.

È probabile che l’IPC complessivo aumenti dello 0,4% per il terzo mese consecutivo poiché i prezzi della benzina raggiungono il livello più alto in sei mesi. Sebbene i prezzi delle materie prime siano diminuiti considerevolmente, i costi dei servizi di base rimangono elevati, il che spiega perché l’inflazione è rimasta stabile nel primo trimestre.

Parte della difficoltà incontrata dalla Fed nel riportare l’inflazione verso il suo obiettivo del 2% risiede nella resilienza dei consumatori americani. Le vendite al dettaglio nei mesi di febbraio e marzo hanno registrato un forte incremento, anche se le previsioni degli economisti per aprile suggerivano che le famiglie si fossero prese una pausa. Anche questi numeri dovrebbero essere rilasciati mercoledì.

Martedì, gli economisti analizzeranno il rapporto del governo sui prezzi alla produzione per valutare l’impatto di categorie come l’assistenza sanitaria e la gestione del portafoglio che alimentano la misura dell’inflazione preferita dalla Fed: l’indice dei prezzi delle spese per consumi personali.

Altri rapporti della prossima settimana riguardano l’edilizia abitativa e la produzione industriale per aprile.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell parlerà martedì ad un evento per banchieri stranieri ad Amsterdam. Sono previsti interventi anche da parte dei presidenti regionali della Fed, Loretta Mester di Cleveland e Raphael Bostic di Atlanta, che quest’anno voteranno sulla politica.

Cosa dice Bloomberg Economics:

“Il rapporto core sull’IPC di aprile potrebbe sembrare incoraggiante – prevediamo che rallenterà rispetto a marzo – ma vediamo un’alta probabilità che la lettura core del PCE di questo mese, una delle maggiori preoccupazioni per la Fed, rimanga forte”.

READ  Dow Jones e S&P 500 chiudono in ribasso; Salesforce, focus sui titoli cannabis

—Anna Wong, Stuart Ball, Elisa Wenger ed Estelle Au, economisti. Per l’analisi completa, clicca qui

Andando verso nord, i dati canadesi sulle vendite di case esistenti per aprile riveleranno se il mercato primaverile si sta surriscaldando mentre gli acquirenti anticipano i tagli dei tassi di interesse. Verranno rilasciati anche i dati sugli avviamenti edilizi, manifatturieri e all’ingrosso.

Altrove, i dati sulla forza delle economie cinese e giapponese, i dati sui salari del Regno Unito e le ultime previsioni dell’UE terranno occupati gli investitori nei prossimi giorni.

Clicca qui per scoprire cosa è successo la scorsa settimana. Di seguito è riportato un riepilogo di ciò che accadrà nell’economia globale.

Asia

Venerdì la Cina pubblica una serie di dati che dovrebbero mostrare un forte inizio del secondo trimestre, con una crescita della produzione industriale, delle vendite al dettaglio e degli investimenti in immobilizzazioni in accelerazione su base annua.

Ma il declino del settore immobiliare continuerà a comportare rischi, con gli investimenti immobiliari che dovrebbero diminuire di oltre il 9%.

Si stima che l’economia giapponese abbia subito una contrazione nel primo trimestre a causa del calo dei consumi privati ​​e degli investimenti delle imprese, nonché del primo contributo negativo delle esportazioni nette in un anno. Questi numeri sono previsti per mercoledì.

Secondo Bloomberg Economics, la crescita dovrebbe riprendersi nuovamente nel secondo trimestre grazie alla ripresa della produzione automobilistica.

Venerdì la Malesia ha annunciato i dati sul PIL.

È probabile che la crescita salariale australiana aumenti leggermente nel primo trimestre, con il tasso di disoccupazione che dovrebbe salire al 3,9% ad aprile.

Nel frattempo, il tesoriere australiano Jim Chalmers ha dichiarato a Bloomberg che il bilancio vedrà un maggiore impulso all’industria mineraria critica del paese, descrivendo il lucroso mercato come una “opportunità d’oro”. Martedì sera pubblicherà il suo piano finanziario annuale.

Le statistiche commerciali saranno pubblicate in Indonesia e Singapore, e giovedì la banca centrale delle Filippine dovrebbe mantenere il suo tasso di interesse di riferimento al 6,5%.

Europa, Medio Oriente, Africa

Il Regno Unito sarà sotto i riflettori con dati sul mercato del lavoro che potrebbero incoraggiare i politici a osservare l’allentamento delle pressioni inflazionistiche.

Secondo le stime medie degli economisti, i guadagni medi settimanali, esclusi i bonus, sono aumentati del 5,9% annuo nel primo trimestre.

Sebbene lo spostamento al ribasso in corso rimanga forte, incoraggerebbe i funzionari della Banca d’Inghilterra, due dei quali giovedì hanno votato a favore di un taglio immediato dei costi di finanziamento contro sette che non erano favorevoli al cambiamento.

READ  Bitcoin è tornato sopra i 62.000 dollari mentre il mercato delle criptovalute si calma dopo i danni limitati causati dall'attacco israeliano

Sulla scia di questa decisione, i discorsi dei politici britannici attireranno l’attenzione. Tra questi c’è il capo economista della Banca d’Inghilterra, Hugh Bell, che parlerà martedì.

Nella zona euro, il calendario comprende diversi funzionari della Banca centrale europea. Tra gli intervenuti figurano i governatori di Paesi Bassi, Germania, Francia e Italia. Giovedì la Banca Centrale Europea pubblicherà la sua revisione semestrale della stabilità finanziaria.

Il numero di martedì sulla fiducia degli investitori tedeschi ZEW sarà il momento clou di una settimana più tranquilla per i dati. Il rapporto finale sull’inflazione della zona euro per aprile sarà pubblicato venerdì.

Mercoledì la Commissione europea, con sede a Bruxelles, pubblicherà le previsioni economiche per la regione, comprese le previsioni su crescita, inflazione, debito e deficit.

In Svezia, dove la Riksbank ha tagliato i tassi di interesse l’8 maggio e si è impegnata ad aumentarli quest’anno, i verbali di tale decisione saranno pubblicati mercoledì, insieme all’ultima lettura dell’inflazione.

I dati sul PIL di Norvegia e Polonia saranno pubblicati la prossima settimana.

Lunedì la banca centrale rumena potrebbe tagliare il tasso di interesse per la prima volta in tre anni mentre l’inflazione nel paese diminuisce gradualmente. Nei prossimi giorni saranno pubblicati anche gli ultimi dati relativi ai prezzi al consumo e alla crescita del paese.

A est, secondo i dati settimanali del Ministero dell’Economia, in Russia l’inflazione dovrebbe restare vicina al 7,7%. Nel frattempo, i dati sul PIL potrebbero mostrare una ripresa della crescita nei primi mesi del 2024.

Bloomberg Economics stima che l’economia russa sia cresciuta del 5% su base annua nel primo trimestre, rispetto al 4,9% dei tre mesi precedenti, sostenuta dalle spese belliche e dalla fiducia dei consumatori.

Andando verso sud, il tasso di inflazione israeliano potrebbe essere sceso al 2,5%, ulteriore prova del fatto che la guerra di Israele contro Hamas ha avuto un impatto minimo sull’aumento del costo della vita.

In Nigeria, si prevede che la crescita dei prezzi al consumo accelererà fino a superare il 34% ad aprile, in parte a causa della triplicazione dei prezzi dell’elettricità per alcuni consumatori urbani.

Altrove in Africa sono previste due decisioni delle banche centrali:

  • Mercoledì i politici dello Zambia probabilmente alzeranno il tasso di interesse di riferimento per la sesta riunione consecutiva per sostenere il kwacha, che viene scambiato a livelli record contro il dollaro.

  • L’autorità monetaria dell’Angola potrebbe seguire l’esempio venerdì e alzare il suo indice per la seconda volta consecutiva per combattere l’inflazione, che dovrebbe continuare a salire a causa della riduzione dei sussidi per il carburante.

READ  richiamati circa 1,5 milioni di deumidificatori; I marchi includono GE e Kenmore

America Latina

L’economia colombiana potrebbe aver registrato una leggera espansione nel primo trimestre, sostenuta da una produzione più forte del previsto a febbraio.

La banca centrale ha alzato le previsioni di crescita per il 2024 dallo 0,8% all’1,4%, riducendo al contempo le stime per il prossimo anno dal 3,5% al ​​3,2%.

Sono disponibili anche i dati sulla produzione industriale, manifatturiera e sulle vendite al dettaglio, che da 12 mesi non registrano segnali positivi.

Nel frattempo, il massimo funzionario della politica monetaria colombiana ha avvertito che la banca centrale dovrebbe fare attenzione che l’accelerazione dei tagli dei tassi di interesse possa riflettere il ritmo del rallentamento dell’inflazione.

L’economia brasiliana si è ripresa alla fine dell’anno ed è rimasta forte nei primi due mesi del 2024. La lettura del PIL di febbraio è stata leggermente migliore del previsto sulla scia di un aumento del salario minimo e del sostegno pubblico al reddito per le famiglie a basso reddito.

I dati sul PIL del Perù per marzo potrebbero aver perso slancio dopo aver registrato un dato superiore alle attese a febbraio.

Si prevede che l’economia si riprenderà dalla recessione nel 2023, ma il danno è stato fatto: lo scorso anno il numero di peruviani che vivono in condizioni di estrema povertà ha raggiunto il livello più alto degli ultimi 11 anni.

In Uruguay, un’inflazione al 3,68%, che rientra nell’intervallo obiettivo della banca centrale, potrebbe indurre i politici a tagliare giovedì i costi di finanziamento per il secondo incontro consecutivo rispetto all’attuale livello dell’8,5%.

La terapia d’urto del presidente argentino Javier Miley per l’economia afflitta dalla crisi del paese ha iniziato a produrre risultati sul fronte dell’inflazione.

Gli analisti ora si aspettano che il valore di aprile sia del 9% su base mensile, in calo rispetto al 13% previsto a gennaio, con il valore di fine anno in ribasso di circa 66 punti percentuali al 161,3%.

-Con l’assistenza di Robert Jameson, Monique Vanek, Piotr Skolimowski, Paul Wallace, Tony Halpin e Brian Fowler.

(Aggiornamenti con la Banca Centrale della Colombia nella sezione America Latina)

I più letti da Bloomberg Businessweek

©2024 Bloomberg L.P

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto