I corpi di 18 persone sono stati ritrovati nella zona colpita dagli incendi boschivi in ​​Grecia

ALESSANDROPOLI, Grecia (AP) – Martedì i vigili del fuoco hanno trovato i corpi carbonizzati di 18 persone ritenute migranti che avevano attraversato il confine turco in un’area della Grecia nord-orientale dove gli incendi infuriavano da giorni.

La scoperta è avvenuta vicino alla città di Alessandropoli mentre centinaia di vigili del fuoco stavano combattendo dozzine di incendi in tutto il paese in mezzo a forti venti. Lunedì due persone sono morte e due vigili del fuoco sono rimaste ferite in diversi incendi avvenuti nel nord e nel centro della Grecia.

Con le loro estati calde e secche, i paesi dell’Europa meridionale sono particolarmente vulnerabili agli incendi. Un altro grande incendio ha infuriato a Tenerife, nelle Isole Canarie, in Spagna, per una settimana, anche se non sono stati segnalati feriti o danni alle case.

La colpa è stata data dai funzionari dell’Unione Europea Cambiamento climatico Per aumentare la frequenza e l’intensità Incendi boschivi in ​​EuropaDa notare che il 2022 è stato il secondo anno peggiore in termini di danni da incendi boschivi registrato dopo il 2017.

E in Grecia la polizia ha attivato lo stato di emergenza nel Paese Squadra per l’identificazione delle vittime del disastro Ioannis Artopios, portavoce dei vigili del fuoco, ha detto che i 18 corpi trovati vicino a una capanna ad Avantas sono stati identificati.

“Poiché non ci sono segnalazioni di persone scomparse o di residenti scomparsi dalle zone circostanti, si sta indagando sulla possibilità che si tratti di persone entrate illegalmente nel paese”, ha detto Artopius.

Alessandropoli si trova vicino al confine con la Turchia, lungo una strada spesso percorsa da persone in fuga dalla povertà e dai conflitti in Medio Oriente, Asia e Africa e che cercano di entrare nell’Unione Europea.

In una dichiarazione, la presidente greca Katerina Sakellaropoulou ha espresso il suo dolore per la morte delle vittime.

“Dobbiamo adottare urgentemente iniziative efficaci per garantire che questa triste realtà non diventi la nuova normalità”, ha aggiunto, riferendosi ai ricorrenti incendi boschivi.

Avantas, come molti villaggi e insediamenti vicini, aveva ricevuto ordini di evacuazione, con avvisi inviati in greco e inglese a tutti i telefoni cellulari della zona.

READ  Guerra in Ucraina: gli Stati Uniti vedono “notevoli progressi” dell’esercito ucraino nel sud

I vigili del fuoco hanno detto che stanno indagando sulle cause degli incendi in coordinamento con la polizia e l’intelligence. Negli ultimi giorni molte persone sono state arrestate o multate per aver appiccato incendi per errore.

Ma la scoperta dei 18 corpi ha scatenato la reazione di alcuni, che hanno accusato i migranti di aver appiccato gli incendi.

Lunedì tardi, la polizia ha dichiarato di aver arrestato tre uomini ad Alessandropoli sospettati di aver rapito e detenuto illegalmente 13 migranti. Una dichiarazione della Questura nazionale afferma che uno dei sospettati era un uomo apparso in un video pubblicato sui social media mentre chiudeva un gruppo di migranti in una roulotte e li accusava di “voler bruciarci”.

Il portavoce del governo Pavlos Marinakis ha rilasciato una dichiarazione in cui condanna le azioni dei vigilanti.

Nella notte, un enorme muro di fuoco si è esteso attraverso la foresta verso Alessandropoli, spingendo le autorità a evacuare altri otto villaggi e l’ospedale della città mentre le fiamme arrossavano il cielo.

Parlando alla televisione greca Skai TV, il vice ministro della Sanità Dimitris Vartzopoulos ha affermato che il fumo e la cenere nell’aria intorno all’ospedale sono le ragioni principali dietro la decisione di evacuare la struttura.

La guardia costiera ha detto che motovedette e navi private hanno evacuato altre 40 persone via mare dalle spiagge vicino ad Alessandropoli.

Nella regione di confine nord-orientale di Evros, una foresta in un parco nazionale protetto è andata a fuoco e le immagini satellitari hanno mostrato che il fumo ricopriva gran parte della Grecia settentrionale e occidentale.

Martedì sono scoppiati nuovi incendi in diverse parti del Paese, tra cui nelle foreste a nord-ovest di Atene e in un’area industriale alla periferia occidentale della capitale.

Piccole esplosioni si sono riverberate nella zona industriale di Aspropyrgos mentre il fuoco ha raggiunto magazzini e fabbriche. Le autorità hanno chiuso un’autostrada e hanno ordinato l’evacuazione degli insediamenti vicini.

READ  Il neozelandese Ardern etichetta le proteste contro i vaccini "importate" mentre la folla sfida le chiamate ad andarsene

Con le forze antincendio al limite, la Grecia ha chiesto aiuto al meccanismo di protezione civile dell’Unione europea.

Martedì sono volati in Grecia cinque aerei lancia-acqua provenienti da Croazia, Germania e Svezia, un elicottero, 58 vigili del fuoco e nove cisterne d’acqua dalla Repubblica Ceca, mentre lunedì da Cipro sono arrivati ​​56 vigili del fuoco rumeni e due aerei. I vigili del fuoco francesi hanno contribuito a spegnere un incendio scoppiato lunedì sull’isola di Eubea.

“Stiamo infatti mobilitando quasi un terzo degli aerei della flotta di salvataggio dell’Unione europea”, ha dichiarato Balazs Ojvari, portavoce dell’Unione europea.

Martedì il livello di pericolo di incendio in molte aree, inclusa la più ampia regione di Atene, è stato classificato come “estremo” per il secondo giorno. Le autorità hanno impedito l’accesso del pubblico alle montagne e alle foreste di quelle zone almeno fino a mercoledì mattina e hanno ordinato pattuglie militari.

In Spagna, i vigili del fuoco hanno lottato per domare un incendio che bruciava da una settimana a Tenerife, una popolare destinazione turistica delle Isole Canarie. Si stima che l’incendio, che ha consumato 150 chilometri quadrati (59 miglia quadrate), abbia già bruciato un terzo delle foreste di Tenerife.

Nell’ultima settimana sono state evacuate più di 12.000 persone. Martedì, le autorità hanno affermato che 1.500 persone hanno potuto tornare a casa. Le autorità hanno descritto l’incendio come il peggiore degli ultimi decenni nell’arcipelago atlantico.

Erano gran parte della Spagna Allerta incendi boschivi Dove le temperature superavano i 38 gradi Celsius (100 gradi Fahrenheit). E mentre le temperature sono spesso molto elevate nel sud della Spagna, l’agenzia meteorologica del paese ha emesso un allarme per la regione basca settentrionale, dove mercoledì le temperature dovrebbero raggiungere i 42 gradi Celsius (107 gradi Fahrenheit).

L’incendio boschivo più mortale della Grecia ha ucciso 104 persone nel 2018, in una località balneare vicino ad Atene che i residenti non erano stati avvisati di evacuare. Da allora, le autorità hanno commesso un errore di prudenza, emettendo frettolosi ordini di evacuazione di massa ogni volta che le aree popolate sono minacciate.

READ  L'amministratore delegato di Qantas se ne andrà presto mentre la compagnia aerea cerca di ricostruire la propria reputazione

Il mese scorso, un incendio boschivo sull’isola di Rodi ha portato all’evacuazione dei residenti Circa 20mila turisti. dopo pochi giorni, Due piloti dell’aeronautica militare furono uccisi Quando il loro aereo per il lancio dell’acqua si è schiantato mentre si tuffava basso per affrontare un incendio a Evia.

Lunedì un incendio durato una settimana nella località greca di Rodi ha distrutto le difese, provocando ulteriori evacuazioni, poiché i forti venti e le successive ondate di caldo che hanno lasciato secchi cespugli e foreste hanno alimentato tre grandi incendi che hanno infuriato altrove in Grecia. (24 luglio)

In Italia, le autorità hanno evacuato 700 persone dalle case e dai campi sull’isola toscana d’Elba dopo un incendio scoppiato lunedì scorso, mentre in Turchia le autorità hanno evacuato nove villaggi nella provincia nordoccidentale di Canakkale. I media turchi hanno anche affermato che le autorità hanno ridotto il traffico marittimo nello stretto dei Dardanelli nel caso in cui fosse necessario dispiegare navi antincendio nella zona.

Secondo la Società Italiana di Geologia Ambientale, quest’estate in Europa più di 1.100 incendi hanno divorato 2.842 chilometri quadrati (circa 1.100 miglia quadrate), una cifra di gran lunga superiore alla media di 724 incendi annuali registrati dal 2006 al 2022. foreste capaci di assorbire 2,5 milioni di tonnellate di anidride carbonica ogni anno.

“Se agli incendi in Europa aggiungiamo gli incendi di Canada, Stati Uniti, Africa, Asia e Australia, la situazione sembra peggiorare ogni anno”, ha affermato Antonello Fiore, Presidente di SIGEA.

___

Picatoros segnalato da Atene, Grecia. A ciò hanno contribuito gli scrittori dell’Associated Press Nicholas Pavetis ad Atene, Joe Wilson a Barcellona, ​​Colin Barry a Milano, Suzanne Fraser ad Ankara e Raf Casert a Bruxelles.

___

Segui la copertura AP Climate su https://apnews.com/hub/climate-and-environment

___

La copertura climatica e ambientale dell’Associated Press riceve il sostegno di diverse fondazioni private. Scopri di più sull’iniziativa sul clima dell’AP Qui. AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
3,878FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles