I nuovi progetti edilizi negli Stati Uniti sono ai minimi da tre anni; Un aumento dei permessi indica una forza di fondo

  • La costruzione di case unifamiliari è scesa del 4,3% in agosto
  • Le licenze edilizie unifamiliari sono aumentate del 2,0%.
  • Il numero complessivo delle costruzioni edilizie è diminuito dell’11,3%; È consentito un aumento del 6,9%.

WASHINGTON (Reuters) – L’edilizia residenziale negli Stati Uniti è scesa al livello più basso degli ultimi tre anni ad agosto, poiché l’aumento dei tassi di interesse ipotecari ha pesato sulla domanda immobiliare, ma un aumento dei permessi di costruzione suggerisce che le nuove costruzioni sono ancora supportate dalla scarsità di case negli Stati Uniti. mercato.

Il calo nell’edilizia abitativa annunciato martedì dal Dipartimento del Commercio è stato il più grande in un anno e si è verificato su tutta la linea. Il rapporto fa seguito alla notizia di lunedì secondo cui la fiducia dei costruttori edili è scesa ai minimi di cinque mesi a settembre, poiché sempre più costruttori hanno riferito di aver tagliato i prezzi e offerto altri incentivi per attirare gli acquirenti.

L’edilizia abitativa, insieme alle vendite di nuove case, sono stati punti positivi per il mercato immobiliare, il settore più colpito dall’aggressiva stretta della politica monetaria della Federal Reserve. Mercoledì si prevede che la banca centrale statunitense lascerà invariati i tassi di interesse, dopo averli aumentati di 525 punti base da marzo 2022 all’attuale range compreso tra 5,25% e 5,50%.

“I dati sull’edilizia residenziale di agosto sembrano mostrare alcune crepe nella corazza di quello che è stato uno dei pochi indicatori forti nel mercato immobiliare di recente”, ha affermato Daniel Filber, economista della Nationwide a Columbus, Ohio. “Tuttavia, è importante notare che potrebbe esserci un elemento di rumore qui perché gran parte del forte calo nell’avvio delle costruzioni deriva dal settore multifamiliare, che è un settore notoriamente volatile”.

READ  Jamie Dimon, CEO di JP Morgan: il governatore della Fed Jerome Powell potrebbe alzare i tassi di interesse

Il mese scorso i nuovi cantieri sono scesi dell’11,3% a un tasso annuo destagionalizzato di 1,283 milioni di unità, il livello più basso da giugno 2020. I dati di luglio sono stati rivisti al ribasso per mostrare che i nuovi cantieri sono accelerati a un tasso di 1,447 milioni di unità invece dei 1,452 milioni di unità precedentemente riportati.

Gli economisti intervistati da Reuters si aspettavano un calo delle startup a un tasso di 1.440 milioni di unità.

Il mese scorso i nuovi progetti di costruzione di case unifamiliari, che rappresentano la maggior parte dell’edilizia residenziale, sono diminuiti del 4,3% a un tasso di 941.000 unità. La costruzione di case unifamiliari è diminuita nel nord-est e nel Midwest, ed è scesa del 26,9% nell’ovest, a causa dell’uragano Hillary. È cresciuto nel sud densamente popolato.

La domanda di nuove costruzioni è stata stimolata da una grave carenza di case già possedute sul mercato, con la costruzione di case in forte aumento per gran parte di quest’anno e che ha dato nuova vita al mercato immobiliare. Ma il recente aumento dei tassi di interesse ipotecari, in coincidenza con l’aumento dei rendimenti dei titoli del Tesoro americano, sta spingendo gli acquirenti in disparte. Secondo i dati dell’agenzia di finanziamento ipotecario Freddie Mac, il tasso di interesse medio su un’ipoteca fissa di 30 anni è di circa il 7,18%, il livello più alto dal marzo 2002.

Anche il sentimento tra i costruttori di case è stato influenzato. L’indice del mercato immobiliare della National Association of Home Builders/Wells Fargo è sceso sotto il livello di pareggio di 50 a settembre per la prima volta in cinque mesi, secondo un sondaggio di lunedì.

READ  Quali sono i posti più costosi ed economici per comprare una casa? Trovalo sulla mappa

Le azioni di Wall Street erano scambiate al ribasso. Il dollaro è caduto contro un paniere di valute. I rendimenti dei titoli del Tesoro USA sono aumentati poiché l’aumento dei prezzi delle materie prime, compreso il petrolio, ha sollevato preoccupazioni sul fatto che i recenti progressi nel rallentamento dell’inflazione potessero essere invertiti.

Inizia l’edilizia abitativa

Si prevede una ripresa

I progetti di costruzione di cinque o più unità sono diminuiti del 26,3% a un tasso di 334.000 unità in agosto, il livello più basso da agosto 2020. La costruzione di alloggi multifamiliari sembra aver raggiunto il picco nell’aprile 2022, quando è stata supportata dalla domanda di alloggi in affitto. Gli alti tassi ipotecari hanno escluso i potenziali acquirenti di case.

Le condizioni finanziarie più restrittive, che limitano l’accesso al credito da parte dei costruttori, così come l’enorme inventario di alloggi multifamiliari in costruzione, stanno rallentando l’attività.

I permessi per la costruzione di future case sono aumentati del 6,9% a un tasso di 1.543 milioni di unità, il livello più alto dall’ottobre 2022. Sono stati spinti da un aumento del 14,8% dei permessi per alloggi multifamiliari a un tasso di 535.000 unità. I permessi per alloggi unifamiliari sono aumentati del 2,0% raggiungendo un tasso di 949.000 unità, il livello più alto da maggio 2022.

Gli investimenti residenziali si sono contratti per nove trimestri consecutivi, il periodo più lungo dallo scoppio della bolla immobiliare, che ha portato alla crisi finanziaria globale del 2008 e alla Grande Recessione.

Il calo della costruzione di case in agosto ha spinto gli economisti della Goldman Sachs a tagliare la stima della crescita del PIL nel terzo trimestre di un decimo di punto percentuale, portandola ad un tasso annuo del 3,2%. Nel secondo trimestre l’economia è cresciuta ad un ritmo del 2,1%.

READ  Il nuovo SUV fuoristrada avrà una trazione ibrida

“Il calo di inizio agosto sovrastima la debolezza dell’edilizia abitativa e stiamo assistendo ad una certa attenuazione del calo di settembre”, ha affermato Nancy Vanden Houten, capo economista statunitense presso Oxford Economics a New York.

Il numero delle case approvate per la costruzione ma la cui costruzione non è ancora iniziata è aumentato del 5,6% raggiungendo le 282mila unità. Il ritardo nella costruzione di case unifamiliari è aumentato del 2,9% a 142.000 unità, mentre il tasso di completamento del settore è sceso del 6,6% a 961.000 unità, il livello più basso da gennaio 2022.

Il patrimonio immobiliare in costruzione è diminuito dello 0,2% a 1.688 milioni di unità. L’inventario delle case unifamiliari in costruzione è sceso dello 0,1% a 676.000 unità, il livello più basso da maggio 2021.

L’inventario delle case multifamiliari in costruzione è sceso dello 0,2% a 995.000 unità, ancora a livelli record, indicando uno spazio limitato per ulteriori aumenti nella costruzione di case multifamiliari nonostante l’aumento dei permessi di costruzione per il settore.

Gli intermediari stimano che i tassi di avvio e completamento degli alloggi dovranno variare tra 1,5 e 1,6 milioni di unità al mese per colmare il divario di inventario.

“La mancanza di offerta di case unifamiliari sul mercato potrebbe offrire opportunità di crescita ai costruttori di case, in particolare alle aziende che costruiscono case entry-level per un folto gruppo di millennial che desiderano acquistare”, ha affermato Jeffrey Roach, capo economista presso LPL Financial a Charlotte. . Carolina del Nord.

Segnalazione di Lucia Mutikani; Montaggio di Chizuo Nomiyama, Paul Simao e Andrea Ricci

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto