Luci sismiche in Marocco: lo strano fenomeno luminoso che precede alcuni terremoti è un mistero di vecchia data

Antonio Lira

Luci del terremoto viste a Città del Messico.

Nota dell’editore: Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



CNN

Le segnalazioni di “luci sismiche”, come quelle viste nei video girati prima del terremoto di magnitudo 6,8 di venerdì che ha colpito il Marocco, risalgono a secoli fa, all’antica Grecia.

Queste esplosioni Luce brillante e danzante di diversi colori John Deere, un geofisico in pensione che lavorava per l’US Geological Survey, ha affermato che questo fenomeno ha sconcertato gli scienziati per molto tempo e non c’è ancora consenso sulle sue cause, ma è “certamente reale”. È coautore di numerosi articoli scientifici sulle luci del terremoto, o EQL.

“La visibilità dell’EQL dipende dall’oscurità e da altri fattori di preferenza”, ha spiegato in una e-mail.

Ha detto che il recente video condiviso online dal Marocco ricorda le luci del terremoto catturate dalle telecamere di sicurezza durante il terremoto del 2007 a Pisco, in Perù.

I video dei cellulari e l’uso diffuso di telecamere di sicurezza hanno reso più semplice lo studio delle luci sismiche, ha affermato Juan Antonio Lira Cacho, professore di fisica presso l’Universidad Nacional Mayor de San Marcos in Perù e la Pontificia Università Cattolica del Perù, che ha studiato il fenomeno.

“Quarant’anni fa sarebbe stato impossibile”, ha detto. “Se li vedessi, nessuno crederebbe a quello che ho visto.”

01:39- Fonte: CNN

Le riprese aeree mostrano l’entità della distruzione causata dal terremoto in Marocco

Le luci dei terremoti possono assumere diverse forme, secondo un capitolo sul fenomeno scritto da Dear e pubblicato nell’edizione 2019 dell’Enciclopedia della geofisica della terra solida.

READ  Il fumo degli incendi in Canada ha attraversato l’Oceano Atlantico

A volte, le luci possono sembrare simili ai normali fulmini, oppure possono essere come una striscia luminosa nell’atmosfera simile all’aurora boreale. Altre volte assomigliano a palline luminose che fluttuano nell’aria. Possono anche sembrare piccole fiamme che tremolano o strisciano lungo o vicino al terreno, o come fiamme più grandi che emergono dal terreno.

Video girato in Cina poco prima del terremoto del Sichuan del 2008 Mostra nuvole luminose che fluttuano nel cielo.

Per comprendere meglio le luci sismiche, Dear e i suoi colleghi hanno raccolto informazioni su 65 terremoti americani ed europei collegati a rapporti affidabili di luci sismiche risalenti al 1600. Hanno condiviso il loro lavoro in Documento 2014 Pubblicato sulla rivista Earthquake Research Letters.

I ricercatori hanno scoperto che circa l’80% dei casi di EQL studiati sono stati osservati in terremoti di magnitudo superiore a 5.0. Nella maggior parte dei casi, questo fenomeno è stato osservato poco prima o durante il terremoto ed era visibile fino a 600 chilometri (372,8 miglia) dall’epicentro.

I terremoti, soprattutto quelli forti, hanno maggiori probabilità di verificarsi lungo o in prossimità delle aree in cui le placche tettoniche si incontrano. Tuttavia, uno studio del 2014 ha rilevato che la stragrande maggioranza dei terremoti associati a fenomeni luminosi si è verificata all’interno delle placche tettoniche, piuttosto che ai loro confini.

Inoltre, era più probabile che le scosse sismiche si verificassero all’interno o in prossimità delle Rift Valley, luoghi in cui la crosta terrestre è stata lacerata – ad un certo punto del passato – creando una lunga depressione inserita tra due masse di terra più alte.

Friedman Freund, collaboratore di Deere e assistente professore alla San Jose State University ed ex ricercatore presso l’Ames Research Center della NASA, ha elaborato una teoria per le luci sismiche.

Freund ha spiegato che quando alcuni difetti o inclusioni nei cristalli di rocca sono esposti a stress meccanico – come durante l’accumulo di stress tettonici prima o durante un grande terremoto – si rompono istantaneamente e generano elettricità.

Ha detto che le rocce sono un materiale isolante e, se sottoposte a stress meccanico, diventano semiconduttori.

Ha aggiunto: “Prima dei terremoti, enormi quantità di roccia – centinaia di migliaia di chilometri cubi di roccia nella crosta terrestre – erano sotto pressione, e le pressioni causavano lo spostamento dei grani e dei minerali l’uno rispetto all’altro”. Colloquio tramite videochiamata.

“È come alimentare una batteria, generando cariche elettriche che possono fluire da rocce stressate a rocce non stressate e attraverso di esse”, ha spiegato in un articolo su The Conversation del 2014. Le cariche viaggiano a velocità di circa 200 metri al secondo, ha spiegato in un articolo. Articolo del 2014 su La conversazione.

Altre teorie sulle cause delle luci includono i terremoti Elettricità statica derivante dalla frantumazione delle rocce e dal rilascio di gas radon, tra molti altri.

Al momento non c’è consenso tra i sismologi sul meccanismo che provoca le luci dei terremoti, e gli scienziati stanno ancora cercando di decifrare i misteri di queste esplosioni.

Freund spera che un giorno sia possibile utilizzare le luci antisismiche o la carica elettrica che provocano In combinazione con altri fattori, per aiutare a prevedere un grande terremoto in avvicinamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto