Mar Cinese Meridionale: attivisti e pescatori filippini guidano una flottiglia di 100 barche nelle secche contese

MANILA, Filippine (AP) – Le navi della Guardia costiera cinese hanno rintracciato un gruppo di attivisti e pescatori filippini che stavano navigando su barche di legno verso un banco conteso nel Mar Cinese Meridionale che Pechino protegge fortemente da quelli che considera intrusi.

La Guardia costiera filippina ha schierato tre navi pattuglia e un aereo leggero per monitorare a distanza il gruppo di circa 100 persone partito dalla provincia occidentale di Zambales per affermare la sovranità di Manila su Scarborough Shoal e le acque circostanti. Decine di giornalisti si sono uniti al viaggio di tre giorni.

La Marina ha anche inviato una nave per monitorare i partecipanti.

Iman Hizon, uno degli organizzatori, ha detto che le quattro barche di legno che trasportavano i filippini erano ancora lontane dalle acque poco profonde quando almeno due navi della guardia costiera cinese hanno iniziato a inseguirle al calar della notte, aggiungendo che i partecipanti sono rimasti di buon umore e non sarebbero tornati indietro. .

Alcuni hanno cantato “atin ito” – il nome del gruppo, che significa “questo è nostro” in tagalog – ripetutamente dopo aver avvistato le navi della guardia costiera cinese.

“Il battaglione Atin Ito continuerà il suo cammino”, ha detto Hizon.

“Le nostre barche stanno praticando manovre evasive mentre la guardia costiera filippina continua a mantenersi a distanza ravvicinata dal convoglio per contrastare qualsiasi ulteriore tentativo da parte delle navi della guardia costiera cinese”, ha detto Hizon.

Gli organizzatori hanno affermato che il convoglio dovrebbe arrivare nella zona delle acque basse giovedì mattina, aggiungendo che cercheranno di evitare scontri ma che saranno preparati a qualsiasi emergenza. Il gruppo prevede di posizionare boe territoriali simboliche e fornire cibo e carburante ai pescatori filippini in alto mare vicino alle acque poco profonde.

READ  L'Unione Europea non accetta di chiedere una “tregua umanitaria” per consentire gli aiuti a Gaza - Politico

“La nostra missione è pacifica, basata sul diritto internazionale e mirata a far valere i nostri diritti sovrani”, ha affermato Rafaela David, una delle principali organizzatrici. Ha aggiunto: “Navigheremo con determinazione, non con provocazione, per dare alla regione un carattere civile e preservare l’integrità delle nostre terre”.

A dicembre, il gruppo ha intrapreso una spedizione in un altro banco conteso, ma ha interrotto il viaggio dopo essere stato rintracciato da una nave cinese.

La Cina ha effettivamente preso il controllo di Scarborough Shoal, un atollo triangolare con un’enorme laguna da pesca circondata da affioramenti corallini per lo più sommersi, circondandolo con navi della guardia costiera dopo un teso stallo del 2012 con le navi governative filippine.

Irritato dalle azioni della Cina, il governo filippino ha deferito le controversie territoriali ad un arbitrato internazionale nel 2013 e ha ampiamente vinto, con un tribunale dell’Aja che tre anni dopo ha stabilito che le rivendicazioni espansionistiche della Cina, storicamente basate sulla trafficata rotta marittima, non erano valide ai sensi di una convenzione delle Nazioni Unite del 1982. Sul diritto del mare.

La sentenza ha dichiarato Scarborough Shoal una zona di pesca tradizionale per i pescatori cinesi, filippini e vietnamiti. In passato, i pescatori ancoravano in acque poco profonde per evitare le grandi onde in alto mare in caso di tempesta.

La Cina ha rifiutato di partecipare all’arbitrato, ne ha rifiutato i risultati e continua a contestarlo.

Due settimane fa, la guardia costiera cinese e presunte navi della milizia hanno utilizzato cannoni ad acqua contro la guardia costiera filippina e i pescherecci che pattugliavano Scarborough Shoal, danneggiando entrambe le navi.

READ  Una donna grida "Morirete tutti" quando viene colpita dalla polizia nella metropolitana di Parigi

Le Filippine hanno condannato le azioni della Guardia costiera cinese riguardo alle acque poco profonde situate nella zona economica esclusiva del paese del sud-est asiatico riconosciuta a livello internazionale. La guardia costiera cinese ha affermato di aver intrapreso “le azioni necessarie” dopo che le navi filippine “hanno violato la sovranità della Cina”.

Mercoledì, in risposta a una domanda sul convoglio di Atin Ito, un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha dichiarato: “Se la parte filippina abusa della buona fede della Cina e viola la sovranità territoriale e la giurisdizione della Cina, la Cina proteggerà i suoi diritti e adotterà contromisure in conformità con la legge e le responsabilità .” Le conseguenze che ne deriveranno saranno interamente a carico della parte filippina”.

Oltre a Filippine e Cina c’erano anche Vietnam, Malesia, Brunei e Taiwan Partecipazione ai conflitti regionali.

Anche le navi della Guardia costiera cinese si sono avventurate nelle acque vicino al Vietnam e alla Malesia Indonesia In passato ha scatenato tensioni e proteste, ma i paesi del sud-est asiatico con significativi legami economici con la Cina non sono stati molto critici nei confronti delle azioni sempre più assertive di Pechino.

Le Filippine hanno diffuso video dei loro scontri territoriali con la Cina e hanno invitato i giornalisti ad assistere alle ostilità in alto mare In una strategia per ottenere il sostegno internazionaleIl che ha scatenato una guerra di parole con Pechino.

La crescente frequenza degli scontri tra le Filippine e la Cina ha portato negli ultimi mesi a piccole collisioni, feriti al personale della Marina filippina e danni alle imbarcazioni di rifornimento. Ha sollevato preoccupazioni che le controversie regionali potrebbero degenerare in un conflitto Conflitto armato tra Cina e Stati Unitiun alleato di lunga data delle Filippine.

READ  Nuovi dettagli sul piano "falsa bandiera" della Russia spingono gli Stati Uniti a prepararsi al peggio in Ucraina

___

Segui la copertura Asia-Pacifico di AP su https://apnews.com/hub/asia-pacific

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto